Troll di Twitter causano crisi epilettiche negli utenti



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-12-2019]

troll twitter epilessia

I troll, nel senso dei provocatori che infestano Internet, sono una seccatura che si può tentare di arginare ma con la quale bisogna rassegnarsi a convivere: generalmente, evitando di dar loro attenzione (Non dar da mangiare ai troll) se ne vanno in buon ordine.

In fondo, possono dar fastidio ma non sono in grado di fare davvero del male.

Almeno, di questo erano convinti tutti fino a che, il 15 dicembre 2016, un troll inviò a un giornalista affetto da epilessia, Kurt Eichenwald, una Gif animata realizzata appositamente per indurre un attacco.

La Gif funzionò: Eichenwald ebbe una crisi epilettica tanto grave da comprometterne le funzioni fisiche e mentali per diversi mesi.

Sono passati tre anni da quel giorno, ma la vicenda del giornalista non ha insegnato nulla: lo scorso novembre, durante gli eventi del National Epilepsy Awareness Month, un esercito di troll ha preso di mira il profilo Twitter della Epilepsy Foundation, postando immagini in grado di scatenare attacchi con l'hashtag della Fondazione.

Il fatto che tutto ciò sia avvenuto proprio nel mese dedicato all'epilessia e che l'opera distruttiva sia stata portata avanti in maniera coordinata da diversi soggetti pone l'intera vicenda al di là della malata idea di divertimento che può avere chi passa il tempo a disturbare gli altri.

La Fondazione ha infatti presentato una formale denuncia richiamandosi proprio al caso di Eichenwald il quale, dopo il primo attacco, ha ricevuto diverse altre immagini simili.

Sebbene non sia automatico che la visione di luci lampeggianti o stroboscopiche induca una crisi epilettica, è comunque ben possibile che ciò avvenga e che abbia conseguenze serie. A ciò bisogna poi aggiungere il fatto che non tutti sanno di essere suscettibili a quegli stimoli.

«Sebbene il numero di persone affette da epilessia fotosensibile sia ridotto, l'impatto può essere molto serio» spiega la dottoressa Jacqueline French, della Epilepsy Foundation, la quale sottolinea come la gravità dell'attacco sia moltiplicata dalla popolarità di Twitter.

«Questi attacchi» - continua la dottoressa - «non sono diversi da una persona che entra in un raduno di persone affette da epilessia portando una luce stroboscopica con l'intento di provocare crisi e, di conseguenza, danni seri ai partecipanti».

Durante il mese di novembre la Epilepsy Foundation ha contato 30 diversi attacchi, ma non è chiaro quante siano le persone che sono state coinvolte.

Per spuntare le armi di questi troll, ben più pericolosi dei normali disturbatori, può essere utile disattivare la riproduzione automatica (autoplay) su Twitter: l'impostazione relativa si trova nel menu Impostazioni e Privacy -> Generale -> Utilizzo dei dati - Autoplay del sito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Immagini lampeggianti in un forum di epilettici

Commenti all'articolo (4)

@etabeta In che senso io quoque? E... che ha fattola mamma?
1-3-2020 15:34

@Gladiator Tu quoque? Ma lo sai che la mamma... purtroppo. :(
29-12-2019 21:23

Un attacco coordinato e mirato come quello descritto fa pensare a qualcosa di più di qualche troll in cerca di facili divertimenti, per lui ovviamente dal momento che non riesco proprio a capire che divertimento ci sia a far star male delle persone. Questo però sembra più un altro segnale di intolleranza nei confronti di persone diverse... Leggi tutto
29-12-2019 18:29

E continuano a bannare chi fa Vera informazione e a tenersi i #Troll?? :shock: E vai di #FUD Twitter ormai a parte pochi è una piattaforma per #Troll per pescare boccaloni IHMO (anche se sono uso trarre pensieri da fatti non sensazioni campate in aria). :roll:
24-12-2019 08:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1762 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics