Il giorno della morte di Windows 7

Per gli irriducibili non resta che abbracciare Windows 10. O passare a Linux.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-01-2020]

Windows 7 morte

Windows 7 è ufficialmente defunto. La morte dell'ormai anziano sistema operativo non dovrebbe sorprendere nessuno, dato che è stata annunciata con largo anticipo da Microsoft e quindi, in teoria, nessun utente è stato colto impreparato.

Nel mondo ideale sognato a Redmond, naturalmente, a questo punto tutti sono già passati a Windows 10, abbandonando una nostalgia senza senso per un sistema che ormai ha oltre 10 anni di vita.

È pur vero che Windows 7, quando venne rilasciato nel 2009, fu un grande successo anche perché riuscì a far dimenticare i passi falsi compiuti con Windows Vista (sulle cui fondamenta, peraltro, è stato costruito) offrendo un ambiente tutto sommato stabile, meno pesante per l'hardware rispetto al predecessore e anche meno fastidioso, avendo diradato il numero delle richieste di autorizzazione da parte dello UAC (User Account Control).

L'attuale panorama informatico vede tuttora una piccola ma interessante presenza di PC con Windows 7, per lo più detenuti da quanti non hanno alcun interesse a passare a Windows 10, temendone i malfunzionamenti, soprattutto quelli legati agli aggiornamenti periodici.

Per costoro si apre però uno scenario "a tempo": la fine del supporto non comporta la cessazione immediata delle funzionalità di Windows 7, che continua a operare oggi esattamente come ha fatto fino a ora.

Invece, da questo momento in avanti non verranno più rilasciate correzioni per le eventuali falle scoperte in Windows 7. Prima o poi, quindi, qualcuno vi scoverà un bug che non sarà mai sistemato, e quanti ancora si affidano al vecchio sistema operativo saranno alla mercé dei pirati informatici: ecco perché lo scenario attuale è a tempo.

Chi non ama Windows 10 ma si rende conto dei pericoli che corre non ha molte alternative: se proprio desidera restare con Windows 7 può testare il programmino che abbiamo segnalato lo scorso mese, che dovrebbe essere in grado di garantire la ricezione degli aggiornamenti pubblicati per quanti hanno deciso di sottoscrivere il supporto triennale esteso a pagamento.

Bisogna comunque precisare che questa strada è tutt'altro che sicura: la funzionalità indicata può cessare in qualsiasi momento e la sua legalità è molto dubbia, dato che aggira le limitazioni imposte da Microsoft.

In alternativa, la morte di Windows 7 può essere l'occasione di dare una chance a Linux: oggigiorno le distribuzioni a disposizione si installano facilmente anche a fianco di Windows, se qualcuno così desidera, e offrono tutto ciò che serve alla maggior parte degli utenti.

I browser per Internet certo non mancano, e per quanto riguarda il lavoro da ufficio soluzioni come LibreOffice possono tranquillamente soddisfare le necessità degli utenti domestici (e non solo), garantendo pure una certa compatibilità (magari non perfetta, ma generalmente adeguata) con i formati di Microsoft Office.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come sarebbe Windows 10 se fosse stata Apple a crearlo?
Windows 7: disabilitare la notifica a tutto schermo per la fine del supporto
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Microsoft: Windows 10 è il migliore Windows di sempre

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 27)

@erma Ma tu, una distribuzione Linux, l'hai mai provata o scrivi per sentito dire? :roll: Quasi tutte le distribuzioni Linux hanno un gestore di driver, smanetti anche meno di Windows a volte. Con quello puoi testare sia il driver proprietario che quello open con estrema semplicità, basta selezionarlo. Se invece hai qualche componente... Leggi tutto
20-2-2020 12:50

il NAT a cui fai riferimento protegge già ad un certo livello (i servizi locali non sono visibili su Internet e quindi non attaccabili dall'esterno se bacati) negli anni del dial-up (PPP) l'indirizzo IP fornito dal provider e associato al dispositivo (modem) era l'equivalente di una scheda di rete direttamente attaccata ad Internet e... Leggi tutto
20-2-2020 11:41

Beh, si ma siamo in casi limite. Ovviamente parto dal presupposto che non uso programmi M$. Quella del Outlook Express, se non sbaglio, era famosa (era dovuta alle anteprime automatiche degli allegati, se ricordo bene)... infatti, dopo il pacchetto Netscape, ho usato sempre e solo Thunderbird. E uso ancora la versione 2, vecchissima, ma... Leggi tutto
17-2-2020 14:56

Erma, mi piacerebbe poterti confermare che sono esclusivamente i comportamenti sbagliati/ingenui degli utenti a causare il download o l'attivazione di malware... purtroppo non è così. Bachi (bugs) nei programmi possono causare l'esecuzione di codice malevolo anche senza (o con poca) interazione da parte dell'utente. Ad esempio un famoso... Leggi tutto
12-2-2020 11:14

@ SverX Non so... non lavorando nel settore, ho visto veramente pochi PC altrui. Quello che intendevo (forse scrivendo un pò tanto :oops: ) è che troppo spesso si scrive come se fosse il PC e i sistemi Windows a essere talmente tanto buggati da prendersi di tutto a prescindere. Ho letto pure di un "pseudo-test" dove si... Leggi tutto
12-2-2020 09:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te il Codice della Strada dovrebbe proibire di indossare i Google Glass mentre si guida?
Sì, perché rappresentano una distrazione peggiore degli SMS, e quindi un pericolo.
No, perché come tutte le cose possono essere utilizzati bene o male. Altrimenti dovremmo vietare anche i navigatori GPS.
Ho un'altra opinione (la illustro nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (895 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics