Rider sfruttati, il Tribunale commissaria Uber Italy



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-05-2020]

Uber Eats commissariata caporalato rider

Era già stata affrontata dalla Cassazione la questione dei "rider" che si occupano di consegne di cibo a domicilio e che inizialmente venivano considerati lavoratori autonomi.

La Suprema Corte li ha invece equiparati a lavoratori subordinati in quanto i tempi di lavoro e l'organizzazione sono decisi dal datore di lavoro, ossia dalla piattaforma online, e non c'è alcuna autonomia da parte del lavoratore.

Ora nella questione interviene anche il Tribunale di Milano, il quale però si occupa di una "classe" particolare di rider: quelli che lavorano per Uber Eats.

L'intervento arriva al termine di un'indagine a carico di Uber Italy, filiale italiana dell'azienda americana, alla quale è stata contestata l'accusa di caporalato o, per la precisione, di «intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro» (art. 603bis del Codice Penale) nella gestione dai fattorini che per lei lavorano.

La ricostruzione riportata dall'Ansa rivela le condizioni a cui i rider, che formalmente non lavoravano per Uber Italy ma per altre due società, erano costretti a operare.

«La mia paga era sempre di 3 euro a consegna indipendentemente dal giorno e dall'ora» ha raccontato uno dei fattorini, mentre uno degli indagati è arrivato a minacciare un rider che lo aveva definito «schiavista» dicendogli: «Ho solo minacciato di venirti a rompere la testa e lo ribadisco (...) ti vengo a prendere a sberle, ti rompo il...».

Il quadro complessivo che emerge mostra situazioni di sfruttamento, minacce, «sottrazione "legalizzata" delle mance» e «punizioni economiche» per i rider.

La conclusione dell'indagine ha portato quindi alla messa in amministrazione giudiziaria (o "commissariamento", come si usa dire) di Uber Italy.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Cassazione, i rider sono lavoratori dipendenti

Commenti all'articolo (2)

In tutto il mondo - non solo in Italia - il numero di lavoratori sfruttati, degradati, impoveriti, in una parola schiavizzati, sta crescendo continuamente ed in modo assai sensibile. Però chi, fra tutte le persone che usufruiscono di beni e servizi che portano a ciò, rinuncerebbe a farsi portare a casa da mangiare spendendo meno che al... Leggi tutto
21-6-2020 16:26

{biriani}
Rider sfruttati.... Sono in compagnia di altri milioni di persone, per parlare solo dell'italia. Ma la "legge" si occupa dei rider e dei lavoratori di medie e grandi aziende. Gli altri non fanno notizia e non fanno avere promozioni, anche se vivono male, sono impoveriti e impoveriscono la nazione. I sindacati hanno... Leggi tutto
2-6-2020 16:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2783 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics