Antitrust: Amazon e Apple nel mirino per comportamento anticompetitivo



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-07-2020]

amazon apple antitrust

Apple e Amazon sono finite nel mirino dell'Antitrust, che ha avviato un'istruttoria nei loro confronti e ordinato una ispezione negli uffici di entrambe nella giornata di martedì 21 luglio.

L'indagine punta a scoprire se i due giganti si siano accordati per mettere in atto delle strategie anticompetitive per quanto riguarda la vendita dei prodotti a marchio Apple e Beats tramite Amazon.

Il sospetto è che le aziende abbiano agito in maniera tale da impedire ai rivenditori non iscritti al programma ufficiale Apple - ma che comunque hanno acquistato legittimamente dai grossisti i prodotti in questione, e dunque possono rivenderli - di operare sul marketplace.

Le realtà a cui, se i sospetti dell'Antitrust fossero confermati, sarebbe stata resa impossibile l'attività sono per lo più aziende piccole e medie, che si appoggiano ai servizi di Amazon per condurre le proprie vendite nel web e non dispongono di un'infrastruttura propria.

Il boicottaggio di queste realtà avrebbe avuto come scopo e motivo la riduzione delle concorrenza e impedire, di conseguenza, un'eventuale riduzione dei prezzi, che sarebbe invece stata stimolata dalla presenza sul mercato di un maggior numero di venditori.

Così a rimetterci sarebbero stati anche i consumatori, i quali non avrebbero potuto beneficiare dei prezzi concorrenziali che si sarebbero verificati se non ci fosse stato l'ipotizzato accordo tra Amazon e Apple.

Amazon ha già commentato la notizia, facendo sapere che l'azienda sta «offrendo la massima collaborazione all'Autorità». Da Apple, al momento in cui scriviamo, invece non ci sono commenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{applezon}
Ma quanto è forte il gap fra la burocrazia e la vita reale!? Nella vita reale tutti immaginiamo, senza bisogno di nessuna prova, che le grandi aziende facciano cartello: è nel loro interesse farsi una guerra superficiale e collaborare sotto la superficie. Il burocrate e il legale hanno ovviamente bisogno di prove, ma... Leggi tutto
23-7-2020 17:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1346 voti)
Giugno 2023
Giove, la “precrimine” in salsa italiana
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 giugno


web metrics