Il museo delle skin di Winamp

Sono oltre 65.000 e funzionano davvero grazie a WebAmp.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-09-2020]

winamp skin museum

Se vi siete ormai ripresi dalla nostalgia per il venticinquesimo compleanno di Windows 95 potete rituffarvi nel passato grazie a un sito molto particolare.

Si tratta del Winamp Skin Museum una collezione che in un'unica pagina raccoglie oltre 65.000 skin per Winamp.

I più giovani probabilmente nemmeno sanno di che si tratti, ma una ventina d'anni fa Winamp era il lettore musicale per eccellenza, dotato di un'interfaccia predefinita semplice che però poteva essere personalizzata: di qui, la nascita di un'infinità di aspetti diversi generalmente gratuiti, ossia le skin.

La fonte delle skin presenti nel museo è l'Internet Archive, ma la loro presentazione è qui molto più efficace: basta un clic su quella preferita e si apre un'anteprima; un secondo clic (stavolta sul tasto play e inizia la riproduzione della musica messa a disposizione da WebAmp.

Webamp è una riproposizione "in salsa web", ossia realizzata con Html 5 e JavaScript e pertanto in grado di funzionare in qualsiasi browser, di Winamp 2, la versione più amata del vecchio player.

Webamp, il cui codice è disponibile su GitHub, offre alcuni brani da riprodurre - tra cui la famosa intro di Winamp - ma consente anche di ascoltare i file presenti sul computer dell'utente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Tutto pur di farmi sentire vecchio... :wink:
22-11-2020 16:06

... una l'ho disegnata io 20 anni fa :D Leggi tutto
14-9-2020 14:08

E ti fa vedere video con codec hevc (h265). Di recente ho scoperto che questo codec per MS č da pagare. Leggi tutto
13-9-2020 09:56

{cubo}
Credo che si possano anche utilizzare col lettore opensource Audacious.
11-9-2020 14:33

{zenzero}
Io uso Winamp tutt'oggi come player predefinito. Va bene e non mi profila.
10-9-2020 17:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1321 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 14 agosto


web metrics