Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-09-2020]

windows xp codice trafugato

Sembra che periodicamente debba succedere: ogni tanto qualcuno trafuga delle parti del codice sorgente di Windows e le pubblica in Rete.

È capitato nel 2004 con il codice di Windows 2000; è ricapitato nel 2017 con porzioni di Windows 10; infine, come segnala Bleeping Computer, è capitato ora con Windows XP.

Un grosso file da 43 Gbyte è infatti diventato reperibile tramite i circuiti torrent dopo che un link a esso è stato postato sulla piattaforma 4Chan.

Al suo interno si trova il codice sorgente di alcune vecchie versioni di Windows, quali Windows XP Service Pack 1, Windows Server 2003 e Windows 2000, ma anche Windows NT 3.5 e 4 e persino Ms-Dos 6.0 e Ms-Dos 3.30.

Il file, un archivio compresso con 7-zip, dalle prime analisi sembra contenere effettivamente ciò che promette, insieme a un omaggio: un cartella contenente documenti che riportano teorie del complotto legate a Bill Gates, co-fondatore di Microsoft insieme a Paul Allen.

Se davvero si tratta del codice di Windows, per quanto piuttosto anziano, la sua diffusione potrebbe rappresentare un pericolo per gli utenti, sia per quanti ancora dovessero ostinatamente adoperare una versione non supportata del sistema sia per quanti usano Windows 10, poiché parte del codice può essere ancora in servizio.

Da sempre, per proteggere la propria sicurezza Microsoft ha adottato la filosofia definita security through obscurity, che è l'esatto contrario dell'open source: l'idea è che, se nessuno può vedere il codice sorgente di un prodotto, nessuno può scovarvi delle falle per sfruttarle.

È pure vero, d'altro canto, che nessuno può nemmeno contribuire a scoprire dette falle per segnalarle in modo che siano corrette (ossia l'assunto su cui si basa il modello di sviluppo open source), e che la sensazione di sicurezza indotta dal fatto che nessuno possa vedere il codice al di fuori degli sviluppatori possa poi indurre gli sviluppatori stessi a tralasciare almeno temporaneamente alcuni bug oscuri o di difficile soluzione, nella convinzione che non siano scoperti.

Bisogna poi ricordare che non è esattamente vero sostenere che nessuno, al di fuori degli sviluppatori di Microsoft, possa in condizioni normali vedere il codice sorgente di Windows: esistono accordi appositi che consentono l'esame del codice a enti come governi e università, i quali naturalmente si impegnano a non divulgare a terzi ciò che apprendono.

Lo sfruttamento del codice di Windows per trovarvi dei bug è la peggiore delle ipotesi. La migliore è che qualcuno abbia la capacità di modificarlo, compilarlo e produrre una versione alternativa - e altamente illegale - di Windows XP, un'opzione che molti nostalgici vedrebbero di buon occhio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 10, rubate parti del codice sorgente
Reso illegalmente pubblico il sorgente di Windows

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Non è detto, quasi sicuramente anche in W10 c'è ancora del codice di XP e con potenziali bug ancora presenti, come peraltro riportato nell'articolo. Una mossa volontaria da parte di questo tipo, da parte di M$, per danneggiare i predecessori di W10 potrebbe trasformarsi in un clamoroso autogol che, visti i tempi che corrono, potrebbe... Leggi tutto
28-11-2020 14:51

Sono 2 cose diverse lo so, ma nessuno vieta di usare quel codice in modo costruttivo, anche se ne dubito fortemente. Windows è il sistema più crackato da sempre. E poi chi si ricorda che avevano chiesto pure i sorgenti di W7? MS aveva detto di no, e ora questo furto...
3-10-2020 18:21

@Maary79 Non confondere l'open source, sorgente volutamente disponibile a tutti (che comunque non significa gratuito), con il furto di sorgenti di sw closed source poi reso disponibile in Rete...
29-9-2020 22:13

Oppure il sistema viene rimesso a nuovo e condiviso all'utenza domestica. O la filosofia dell'open source non vale per i sistemi MS? Leggi tutto
29-9-2020 15:08

{Overtaker}
@Undertaker Già, non mi stupirebbe affatto. Da nadella (e affini di altre aziende) mi aspetterei questo e altro...
28-9-2020 14:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Le promozioni estive o natalizie per i cellulari:
Sono in genere molto convenienti
Preferisco quelle per le chiamate
Preferisco quelle per i messaggi
Non le considero convenienti
Non le ho mai utilizzate

Mostra i risultati (1055 voti)
Dicembre 2020
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Tutti gli Arretrati


web metrics