Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-10-2020]

windows 10 ssd nvme

Come gli hard disk, anche gli SSD muoiono, e spesso lo fanno all'improvviso: non avendo parti in movimento, non possono nemmeno emettere rumori strani - come in certi casi fanno i dischi rigidi - che un utente accorto può interpretare come segnale di morte imminente.

Per evitare agli utenti di trovarsi di punto in bianco in situazioni potenzialmente drammatiche, Microsoft ha deciso di inserire in una delle prossime versioni di Windows una funzionalità che tiene sott'occhio continuamente lo stato di salute delle unità SSD, così da poter informare tempestivamente l'utente dell'insorgere di problemi.

Se l'unità è piena, se le prestazioni si riducono, se vengono rilevati errori di lettura, una notifica appare e rende noto quanto sta succedendo.

Se ciò si verifica, è bene aprire il menu Impostazioni -> Sistema -> Archiviazione -> Gestione spazi di archiviazione e cliccare sulle Proprietà dell'unità interessata.

Si aprirà una schermata che mostrerà i dettagli del problema rilevato, oltre a una stima della vita residua dell'unità e informazioni utili come la temperatura e lo spazio disponibile.

Al momento questa funzionalità è compatibile soltanto con gli SSD NVMe, e non è dato sapere se verrà ampliata per poter gestire anche gli SSD Sata e, magari, gli hard disk.

La sorveglianza degli SSD - inserita nella build 20266 - è già disponibile agli iscritti al Dev Channel di Windows Insider. Chiaramente non è possibile per ora sapere quando arriverà nella versione stabile di Windows 10.

win10ssd

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

E su cosa mai baserà Windows 10 le sue previsioni se non sui dati S.M.A.R.T. degli SSD combinandoli in qualche algoritmo basato sui dati raccolti da milioni di dispositivi in tutto il mondo?
29-11-2020 16:31

{Sergio}
Mi auguro solo che non gli diano un aiutino per farli "terminare".
20-10-2020 20:37

tutt'altro. poi, certo, uno deve imparare a leggerle... :twisted: Leggi tutto
4-10-2020 22:34

{Piero}
Finora bastava tenere d'occhio il valore S.M.A.R.T. dei settori riallocati; se diverso da zero, o dal valore consolidato dopo i primi giorni d'uso dell'HDD, era garanzia di sputtanamento in pochissimo tempo. Non so se con gli SSD questo parametro conceda margini per intervenire.
2-10-2020 20:13

Beh, dai i dati smart non sono proprio inutili... Su Linux questa opzione è disponibile da anni, ssd e hdd. Alla faccia della novità, che poi è solo per pochi.
2-10-2020 20:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1406 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics