Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-10-2020]

windows 10 ssd nvme

Come gli hard disk, anche gli SSD muoiono, e spesso lo fanno all'improvviso: non avendo parti in movimento, non possono nemmeno emettere rumori strani - come in certi casi fanno i dischi rigidi - che un utente accorto può interpretare come segnale di morte imminente.

Per evitare agli utenti di trovarsi di punto in bianco in situazioni potenzialmente drammatiche, Microsoft ha deciso di inserire in una delle prossime versioni di Windows una funzionalità che tiene sott'occhio continuamente lo stato di salute delle unità SSD, così da poter informare tempestivamente l'utente dell'insorgere di problemi.

Se l'unità è piena, se le prestazioni si riducono, se vengono rilevati errori di lettura, una notifica appare e rende noto quanto sta succedendo.

Se ciò si verifica, è bene aprire il menu Impostazioni -> Sistema -> Archiviazione -> Gestione spazi di archiviazione e cliccare sulle Proprietà dell'unità interessata.

Si aprirà una schermata che mostrerà i dettagli del problema rilevato, oltre a una stima della vita residua dell'unità e informazioni utili come la temperatura e lo spazio disponibile.

Al momento questa funzionalità è compatibile soltanto con gli SSD NVMe, e non è dato sapere se verrà ampliata per poter gestire anche gli SSD Sata e, magari, gli hard disk.

La sorveglianza degli SSD - inserita nella build 20266 - è già disponibile agli iscritti al Dev Channel di Windows Insider. Chiaramente non è possibile per ora sapere quando arriverà nella versione stabile di Windows 10.

win10ssd

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft caccia da Windows Insider gli utenti con hardware obsoleto
Rinunciare allo smartphone
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Hard disk da 18 TB a registrazione magnetica assistita da energia

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

E su cosa mai baserÓ Windows 10 le sue previsioni se non sui dati S.M.A.R.T. degli SSD combinandoli in qualche algoritmo basato sui dati raccolti da milioni di dispositivi in tutto il mondo?
29-11-2020 16:31

{Sergio}
Mi auguro solo che non gli diano un aiutino per farli "terminare".
20-10-2020 20:37

tutt'altro. poi, certo, uno deve imparare a leggerle... :twisted: Leggi tutto
4-10-2020 22:34

{Piero}
Finora bastava tenere d'occhio il valore S.M.A.R.T. dei settori riallocati; se diverso da zero, o dal valore consolidato dopo i primi giorni d'uso dell'HDD, era garanzia di sputtanamento in pochissimo tempo. Non so se con gli SSD questo parametro conceda margini per intervenire.
2-10-2020 20:13

Beh, dai i dati smart non sono proprio inutili... Su Linux questa opzione Ŕ disponibile da anni, ssd e hdd. Alla faccia della novitÓ, che poi Ŕ solo per pochi.
2-10-2020 20:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ la pi¨ grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si Ŕ lý da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa Ŕ troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (1026 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics