Facebook, agenzia Usa per la concorrenza: sia separato da Instagram e WhatsApp

''Insieme sono troppo potenti'' spiega la Federal Trade Commission, che vigila sulla concorrenza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2020]

facebook divisione ftc

Quando acquisì prima Instagram e poi WhatsApp, Facebook ottenne il via libera dell'agenzia americana Federal Trade Commission, la quale però si riservò il diritto di ripensarci in futuro.

Sono passati otto anni dalla prima acquisizione e sei dalla seconda, e ora alla Ftc l'intera faccenda sembra molto meno rosea di quanto lo paresse in passato.

In particolare, la Commissione teme lo strapotere che Facebook ha accumulato unendo altri due servizi estremamente popolari alla notevole capacità di influenza il pensiero e le decisioni delle masse che il social network in blu, da solo, già possiede.

Per questo motivo, sta esaminando la possibilità di richiedere una scissione delle tre realtà.

Per chi si occupa di informatica da qualche tempo, la vicenda ricorda un po' quella vissuta da Microsoft una ventina d'anni fa, quando si palesò la possibilità che il gigante di Redmond venisse diviso in due, facendo nascere un'azienda che si occupasse di Windows e un'altra che si occupasse di Office e dei servizi. Allora, com'è evidente, la minaccia non si concretizzò.

A sua volta, quella vicenda fu paragonata alla suddivisione della Standard Oil avvenuta nel 1911, divenuta talmente potente da essere percepita come un serio problema.

Periodicamente, insomma, gli Stati Uniti puntano l'occhio su quelle realtà che paiono diventare troppo grandi e potenti per valutare se la loro stessa esistenza non costituisca un freno alla libera concorrenza e non accentri troppo potere nelle mani di troppo poche persone.

Nel caso di Facebook, come riporta il Wall Street Journal, la vicenda è soltanto agli inizi e l'estensione dell'influenza delle tre piattaforme combinate è sotto esame al fine di capire se veramente sia eccessiva, la dagli uffici di Menlo Park è già stata diretta alla Ftc una memoria in cui i legali di Facebook spiegano perché la separazione sarebbe una pessima idea.

Il documento è lungo 14 pagine, ma le idee che vi sono espresse sono riassumibili in una frase che vi è contenuta: «Una "suddivisione" di Facebook è un fallimento in partenza».

A motivare tali posizione il documento porta le difficoltà tecniche nel dividere tre piattaforme che in questi anni non hanno fatto altro che integrarsi sempre più strettamente, nonché il costo miliardario, la diminuzione della sicurezza e il danneggiamento dell'esperienza utente che ciò comporterebbe.

Tali argomenti non paiono particolarmente solidi. Intervistato dal Wall Street Journal, Tim Wu, professore della Columbia University, ha dichiarato che a suo parere essi sono «sorprendentemente deboli«: «Dire "È troppo difficile" non è la base di una difesa», ha affermato. E questa non è l'unica difficoltà che la difesa di Facebook incontrerebbe.

A sostenere le ragioni della Ftc in merito a una separazione ci sono infatti le prove che dimostrano come le acquisizioni di Instagram e WhatsApp siano state fatte in buona parte per eliminare la concorrenza.

Per quanto riguarda Instagram, poi, c'è addirittura una email di Mark Zuckerberg che lo afferma esplicitamente. La Ftc avrebbe quindi gioco facile a ravvisare una violazione delle norme antitrust.

Facebook farà quindi la fine di Standard Oil o quella di Microsoft? È troppo presto per dirlo. Certo è che la sua capacità di indirizzare le decisioni gli utenti è ormai tanto palese da preoccupare le autorità preposte al controllo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Attacchi informatici usando documenti Office, l'allerta di Microsoft
Facebook ha occultato il rapporto che la metteva in cattiva luce
WhatsApp cambia le regole, ma niente panico
L'Antitrust multa Google per 100 milioni di euro, anche se non c'è più motivo
La finta privacy di WhatsApp
Miniguida per usare Instagram e vivere felici
Bill Gates confessa il suo errore più grande

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Se dovessi farci una scommessa sopra direi quella di Microsoft, faccio fatica a pensare che un tribunale sia disposto ad avallare una cosa del genere a distanza di così pochi anni da che la FTC l'ha permessa (anche se con riserva). Leggi tutto
30-11-2020 18:34

{fazbok}
Ciao iodio, non odiare troppo che la vita è breve. Informati sul 14esimo emendamento, e salutami i (molti) cadaveri delle 'compagnia delle indie' (occidentli o orientali?).
11-10-2020 12:56

{iodio}
{fazbok} interessante, riusciresti a trovarmi qualche riferimento? Mi viene in mente che le multinazionali esistevano già prima degli USA. Mi viene in mente la Compagnia Delle Indie, così grossa e potente da preoccupare interi governi.
7-10-2020 09:25

{utente anonimo}
Daje FTC, daje giù duro! Se lo avesse detto la commissione europea si sarebbero levati strilli di antiamericanismo e ritorsioni commerciali by trump... mah
6-10-2020 17:15

{utente anonimo}
Non è un po' tardi?
6-10-2020 15:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi costretto a scegliere: un mese senza sesso o un mese senza smartphone, cosa sceglieresti?
Il problema non si pone: non faccio sesso.
Il problema non si pone: non ho uno smartphone.
Rinuncerei più volentieri al sesso piuttosto che separarmi dallo smartphone.
Rinuncerei più volentieri allo smartphone piuttosto che fare a meno del sesso.

Mostra i risultati (3686 voti)
Ottobre 2021
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 ottobre


web metrics