Le parole di Internet: extortionware



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-04-2021]

extortionware

Ormai conosciamo fin troppo bene il ransomware, ossia la tecnica di attacco informatico che consiste nel penetrare nei sistemi informatici della vittima, cifrarne i dati e poi chiedere un riscatto per dare alla vittima la chiave di decrittazione.

Questa tecnica purtroppo funziona molto bene per i criminali, ma richiede comunque un certo sforzo da parte loro: il malware che usano per cifrare i dati della vittima deve non solo funzionare nel senso di bloccarli con una password impossibile da indovinare, ma deve anche garantire che una volta pagato il riscatto la vittima riesca a decrittare tutto correttamente. Se si spargesse la voce che è inutile pagare il riscatto perché tanto i dati non sono recuperabili, alle vittime passerebbe in fretta la tentazione di cedere al ricatto e mandare soldi ai ricattatori.

Questo vuol dire che il criminale deve spesso impegnarsi a fornire assistenza tecnica alla vittima, e farlo in maniera efficace. Può sembrare surreale, ma ho assistito a casi di questo genere nei quali il ricattatore è stato un helpdesk più servizievole e competente di tanti servizi commerciali legali.

Ma i criminali sono sempre alla ricerca di modi per ottimizzare le proprie attività, e quindi dopo il ransomware è arrivato l'extortionware: un attacco nel quale il malvivente non ha bisogno di fornire assistenza tecnica, perché non ha crittato i dati della vittima, ma li ha semplicemente copiati e chiede soldi per non pubblicarli e non causare danni alla reputazione personale o aziendale.

La BBC descrive, per esempio, il caso di un responsabile informatico di un'azienda statunitense che è stato ricattato dai criminali che hanno scoperto la sua collezione segreta di pornografia digitale e hanno pubblicato online schermate con tutti i dettagli; un altro caso riguarda un'altra azienda statunitense che viene ricattata pubblicando il nome utente e la password usate da un suo dipendente per frequentare un sito pornografico.

Non sempre, però, il ricatto riguarda la minaccia di divulgare abitudini private sensibili. La BBC cita anche un tentativo di estorsione che riguarda delle mail trafugate che dimostrerebbero frodi assicurative in un'azienda canadese e il caso di una catena di cliniche di chirurgia estetica ricattata con la minaccia di pubblicare le foto "prima e dopo" dei clienti.

Sondaggio
Fai uso del pagamento contactless?
Sì, lo trovo molto comodo.
Lascio scegliere all'esercente.
Non so cosa sia.
No, le mie carte non sono abilitate.
No, non mi fido

Mostra i risultati (2294 voti)
Leggi i commenti (21)

Il problema di questa tecnica di attacco è che rende abbastanza inutili le difese sviluppate finora contro il ransomware. Con l'extortionware non c'è nulla da ripristinare: i dati imbarazzanti hanno ormai preso il volo e non c‘è modo di toglierli dalle mani di chi li ha trovati.

L'unica difesa possibile è preventiva e comportamentale: i dipendenti (e, diciamolo, soprattutto i dirigenti) non devono tenere sui server aziendali (o sui computer portatili aziendali che vengono affidati a loro) dati personali che potrebbero causare un danno di reputazione se trafugati, e i dati effettivamente necessari per lavoro devono essere custoditi in maniera sicura e il più possibile isolata da accessi via Internet che ne consentano l'esportazione in massa.

È difficile quantificare il costo globale del ransomware (in generale, incluso l'extortionware), visto che spesso le vittime non dichiarano di essere state colpite, ma secondo Emsisoft (citata da BBC) il totale per il 2020, compresi i pagamenti e i costi di ripristino e di inattività ammonterebbero a circa 170 miliardi di dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Le parole di Internet: link rot
Il ransomware Cring infetta i server Vpn
Attacco ransomware, registro elettronico kaputt da giorni
4 italiani su 10 pagano i riscatti del ransomware
Incendio tra le nuvole? Ho il backup
Il lato umano del ransomware
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Data Privacy Day: 5 consigli per gestire e proteggere i dati
I principali trend per la sicurezza informatica del 2021
Ospedali sotto cyber attacco: settore sanitario il più bersagliato
Il phishing evolve verso il machine learning
Gli attacchi ransomware diventano sempre più sofisticati
Ransomware: attacchi di opportunità
Attacchi informatici nell'era della pandemia
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Un caso di ransomware finito bene offre lezioni utili per tutti

Commenti all'articolo (1)

Salvare pornografi sui server aziendali e/o utilizzare il proprio PC di lavoro per accedere a siti pornografici mi sembra decisamente un comportamento da minorati mentali. Mi sembra quasi impossibile che qualcuno sia capace di tanto...
17-4-2021 11:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali autorizzazioni hai concesso alle applicazioni presenti sul tuo dispositivo mobile?
Non limito l'accesso alle app sul mio dispositivo
Di solito concedo le autorizzazioni su richiesta e non ci penso più
Concedo le autorizzazioni a seconda dell'applicazione e delle sue funzionalità
Non posso modificare le autorizzazioni delle applicazioni

Mostra i risultati (1070 voti)
Maggio 2021
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 maggio


web metrics