Il phishing evolve verso il machine learning



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-12-2020]

phishing

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Dai botnet al Covid-phishing

Inizialmente, la maggior parte degli attacchi di phishing era facilmente prevenibile, rappresentando un rischio solo per gli utenti più ingenui. Queste truffe utilizzano generalmente tattiche di social engineering per sottrarre le credenziali a utenti ignari, per lo più via email. In altri casi, un messaggio particolarmente convincente viene utilizzato per convincere una vittima a cliccare un link che installa malware o espone dati sensibili.

Sempre più spesso questi attacchi sono utilizzati per anticiparne altri sia on-premise che cloud service. Oggi le strategie di phishing sono più sofisticate e si sono evolute per colpire i punti deboli che si trovano ai confini delle reti aziendali.

Nella maggior parte delle aziende i dipendenti oggi sono più consapevoli sui pericoli del phishing via e-mail e adottano maggiori precauzioni quando incappano in link sospetti, ma gli hacker hanno iniziato ad adattare anche il loro approccio. Ad esempio, i cybercriminali prendono di mira le reti domestiche non protette e i telelavoratori alle prime armi che non hanno una formazione adeguata in materia di cybersecurity per sottrarre informazioni personali e lanciare attacchi alle reti aziendali a cui sono collegati.

In molti sfruttano il machine learning per creare, testare e distribuire rapidamente messaggi con contenuti visivi sempre più realistici che inducono uno stress e un disagio emotivo nei destinatari.

I cybercriminali possono effettivamente analizzare gli attacchi e perfezionare le proprie strategie per garantire la massima efficacia. Gli attacchi di phishing più recenti includono truffe che millantano di supportare gli utenti mediante l'accesso a forniture sanitarie o dispositivi di protezione personale difficili da reperire o offrire supporto dall'helpdesk ai lavoratori a distanza.

La maggior parte di questi attacchi di phishing contiene payload dannosi - tra cui ransomware, virus e remote access trojans (Rat) concepiti per fornire ai criminali l'accesso remoto ai sistemi endpoint, consentendo loro di eseguire exploit di Remote Desktop Protocol (Rdp).

Sondaggio
Fai uso del pagamento contactless?
Sì, lo trovo molto comodo.
Lascio scegliere all'esercente.
Non so cosa sia.
No, le mie carte non sono abilitate.
No, non mi fido

Mostra i risultati (2377 voti)
Leggi i commenti (21)

I ricercatori hanno registrato un significativo picco nel phishing via web, a partire dalla serie di minacce informatiche Html/phishing tra gennaio e febbraio 2020 e che si è protratto fino alla fine di maggio. Analoghi Html - /ScrInject (attacchi con l'iniezione di script del browser) e /Redir (schemi di reindirizzamento del browser) - hanno anch'essi contribuito all'aumento dei tentativi di phishing nel corso dell'anno. Il malware web-based tende a bypassare la maggior parte dei comuni sistemi antivirus, con maggiori possibilità di successo.

I professionisti della sicurezza dovrebbero tenere presente che nel 2020 il browser è stato finora un vettore chiave per il malware e questa tendenza continuerà probabilmente a verificarsi anche il prossimo anno. Ciò riflette il calo registrato del traffico web aziendale, generalmente ispezionato, e l'aumento del traffico web da remoto dovuto al passaggio al lavoro a distanza.

Questo avvantaggia i cybercriminali che hanno adeguato i loro attacchi prendendo di mira il traffico che ora inonda reti meno sicure. Per questo motivo, le aziende devono fornire ai lavoratori da remoto le conoscenze e la formazione necessarie per proteggere le proprie reti personali e la rete aziendale connessa, ma anche fornire risorse aggiuntive, come ad esempio nuove soluzioni di rilevamento e Endpoint Detection and Response (Edr) in grado di rilevare e bloccare le minacce avanzate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Quale machine learning? Dall'articolo non capisco quale evidenza ci sia dell'uso di machine learning nel phishing. L'autore potrebbe chiarire, per favore?
8-1-2021 14:55

{tudbo}
@ Capitano Achab Gli Stati membri sono Stati che hanno alla testa delle persone che pensano con i genitali. Quasi tutto il pianeta ha Stati siffatti.
12-11-2020 16:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (1726 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 giugno


web metrics