Attacchi informatici nell'era della pandemia

Non lasciate che una buona crisi vada sprecata, diceva Warren Buffet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2020]

orso

Da quando la pandemia Covid-19 ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo, abbiamo assistito ad attacchi informatici che hanno colpito le aziende in pieno caos.

Warren Buffett una volta ha dichiarato: "Non lasciate che una buona crisi vada sprecata". I cybercriminali hanno da tempo sottoscritto questo mantra, ed è chiaro dal loro comportamento dei mesi scorsi che stanno continuando a seguirlo. Tuttavia, mentre alcuni attaccanti hanno intensificato gli sforzi per massimizzare i profitti in tempi di crisi, il loro approccio non è sostanzialmente cambiato.

Infatti, nuove ricerche di Microsoft indicano che gli attacchi malware legati al coronavirus sono stati "solo un blip" nel volume totale delle minacce che tipicamente rilevano ogni mese.

Il carattere e l'impatto globale della crisi hanno semplicemente facilitato il lavoro dei cybercriminali che continuano a utilizzare gli stessi metodi collaudati che hanno funzionato da molto prima del 2020: trovare un modo per entrare, mirare all'accesso privilegiato per sbloccare le porte e raggiungere l'obiettivo.

È con questo spirito che abbiamo voluto esaminare la tecnica di intrusione preferita dagli aggressori - il phishing - e una scelta diffusa del malware - il ransomware.

Lavi Lazarovitz, Head of Security Research di CyberArk

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Phishing: accedere sfruttando l'ingegneria sociale

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le parole di Internet: extortionware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Il ransomware Cring infetta i server Vpn
4 italiani su 10 pagano i riscatti del ransomware
Noia da lockdown, il vero rischio cyber del 2021
In aumento il phishing che usa il vaccino antiCovid come esca
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware

Commenti all'articolo (2)

Per questi dispositivi è sufficiente acquistare - fin che sono disponibili è ovvio - i modelli totalmente privi di qualsiasi connessione esterna e di accessi alla rete. Per chi lavora in remote working con PC, tablet e/o smartphone la vedo invece più dura e le password, le OTP, i token ecc pur non essendo in alcuni casi sufficienti... Leggi tutto
5-12-2020 15:18

{anson tomino}
Secondo il mio parere solo gli esperti si sono resi conto della vastità dei risultati degli attacchi, mentre questa percezione non arriva alla popolazione. D'altra parte è anche vero che le persone vogliono usare un sistema senza occuparsi di ciò che gravita intorno a quel sistema, nel bene e nel male, e finora... Leggi tutto
17-10-2020 17:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1308 voti)
Aprile 2021
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 aprile


web metrics