Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-04-2021]

windows 10 task manager eco mode

Uno dei lati positivi dei moderni sistemi operativi è il multitasking: gestendo accuratamente le risorse, il sistema può eseguire più applicazioni, servizi o processi in maniera che, all'utente, appaia che vengano portati avanti tutti contemporaneamente.

Si può così scrivere un documento, navigare in Internet e lasciare al sistema il compito di gestire l'installazione degli aggiornamenti nello stesso momento: non è necessario aspettare che un'operazione finisca prima di passare alla successiva.

D'altra parte, anche se il numero dei processi in esecuzione può aumentare quasi a piacimento, le risorse (RAM, potenza della CPU e via di seguito) restano sempre le stesse, e un programma particolarmente esigente può rischiare di accaparrarsene un quantità eccessiva, tanto da incide sul buon funzionamento di tutto il resto: a chi non è capitato di vedere il proprio computer con Windows (soprattutto se dotato di hard disk e non di SSD) trasformarsi in una lumaca anziana e malata mentre Windows Update svolge il proprio lavoro?

Questa situazione deve essere diventata insopportabile persino per Microsoft che, nella versione di sviluppo Windows 10 Insider Preview Build 21364, ha introdotto una soluzione: l'Eco Mode.

Si tratta di una speciale modalità di esecuzione dei processi che limita le risorse di cui essi possono impadronirsi, impedendo così loro di avere effetti negativi sulle prestazioni dell'intero sistema.

Per attivarlo è necessario aprire il Task Manager (Gestione Attività), fare clic con il tasto destro del mouse sul processo che si intende limitare (tipicamente quello che sta consumando troppe risorse, e magari sta venendo eseguito in background), e selezionare dal menu contestuale la voce Eco Mode: in questo modo il sistema darà priorità agli altri processi.

«Questa funzionalità» - spiega Microsoft nel blog ufficiale - «è d'aiuto quando si nota che un'app sta consumando troppe risorse e si vorrebbe limitare tale consumo affinché il sistema dia una maggiore priorità ad altre app, aumentando così la risposta delle app in primo piano e migliorando l'efficienza energetica».

eco mode

Microsoft, peraltro, sta eseguendo dei test per fare in modo che siano i processi stessi a "capire" quando sia il caso di attivare l'Eco Mode: le versioni di sviluppo di Windows 10 già ora mostrano adottano questa possibilità nei confronti di Edge e di altre applicazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno
Il primo processore completamente inviolabile
Perché Apple rallenta i suoi smartphone ''vecchi'' senza dirlo?
Comprereste un'auto che si aggiorna da sola via Internet come un telefonino?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

E magari fa anche più danni di prima... :wink:
25-5-2021 18:47

Bello. Hanno spacciato per assoluta novità una cosa che esisteva da tempo, cambiando ovviamente il nome. Leggi tutto
25-5-2021 15:44

Infatti! Questa mi sembra una novità vecchia, il fatto di automatizzarlo mi sembra più interessante ma considerate le catastrofi fatte da M$ negli ultimi anni con tante novità di Win 10 non sono del tutto convinto che sarà un successo... :wink: Leggi tutto
1-5-2021 15:01

Ma infatti! Forse c'era persino su NT.
27-4-2021 19:54

E' dai tempi di WinXP si potevano assegnare diversi livelli di priorità ai processi.
26-4-2021 22:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2734 voti)
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 luglio


web metrics