L'erogatore di sapone che ti dice per quanto tempo lavarti le mani

Lo Smart Soap Dispenser incorpora un conto alla rovescia di 20 secondi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-08-2021]

amazon smart soap dispenser

In un mondo in cui sembra che tutto debba essere smart non poteva mancare uno Smart Soap Dispenser, ossia un erogatore di sapone "intelligente".

Nel caso specifico, "intelligente" significa che è stato realizzato per lavorare in tandem con un assistente vocale e che, poiché il produttore è Amazon, tale assistente è Alexa.

Funziona a batteria (si ricarica tramite una presa micro USB), ha un'autonomia di 3 mesi, supporta la connettività Wi-Fi 802.11n (probabilmente un erogatore non abbisogna di standard più recenti) e dispone di ben 10 Led che, dopo l'erogazione del sapone, si spengono in sequenza uno dopo l'altro in un lasso di tempo di 20 secondi.

L'utilità di questa funzione? Consentire all'utente di calcolare facilmente il tempo minimo consigliato dall'americano CDC per un lavaggio accurato delle mani, ossia per l'appunto 20 secondi.

Il serbatoio interno dello Smart Soap Dispenser ospita fino a 12 once di sapone, ossia circa 350 millilitri, e la quantità di detergente erogata è regolata automaticamente in base alla distanza delle mani dall'ugello: una maggiore distanza comporta un quantitativo minore di sapone.

I fan dei gadget di Amazon possono accoppiare il Dispenser con un dispositivo Echo e impostare una routine Alexa cosicché, per esempio, durante ogni lavaggio venga raccontata una barzelletta o sia riprodotta una canzone adatta.

Potendo vantare tutta questa "intelligenza", lo Smart Soap Dispenser non può essere economico: è infatti in vendita negli USA a 54,99 dollari (circa 46 euro); al momento non è dato sapere se e quando arriverà in Europa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Perché i computer sono stupidi?
Animismo digitale
Alexa traduce in tempo reale grazie a Live Translation
Alexa adesso serve anche a far benzina
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Lavori da casa? Sarà meglio spegnere Alexa
Facebook ti paga per registrare la tua voce
Il portinaio virtuale di Amazon
Quando farsi la doccia è pericoloso

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Per questo non so, per altri oggetti di parimenti dubbia utilità e assurdo prezzo di cui conosco qualche acquirente, temo che potresti stupirti dal momento che sono persone con QI almeno nella media e con comportamenti, per altri aspetti, del tutto normali... Leggi tutto
14-8-2021 18:26

Oppure sarà un termine desueto... Leggi tutto
14-8-2021 18:24

Beh, se lo vuoi vendere a 55 $ qualcosa ti devi pure inventare, il problema è che ci sarà anche chi lo compera... :roll: Leggi tutto
14-8-2021 18:23

MI piacerebbe conoscere e fare 2 chiacchiere con qualcuno degli acquirenti di questo coso. Così, giusto da capire se sono io che sono talmente limitato da non capire le potenzialità di questi oggetti smart, o se questi aggeggi hanno come target persone con un valore di QI entro una certa soglia...
12-8-2021 13:46

{Giulgiulio}
Entro una generazione il termine "intelligente" significherà inequivocabilmente "per imbecilli".
11-8-2021 14:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (381 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 settembre


web metrics