Il malware che svuota il conto in banca e resetta lo smartphone

Brata raggiunge le vittime attraverso messaggi truffaldini che si spacciano per comunicazioni ufficiali della banca.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-01-2022]

brata reset smartphone

Un malware che prosciuga il conto bancario è già abbastanza brutto, ma gli autori di Brata - un malware per Android in circolazione dal 2019 - di recente hanno deciso di aggiungere al danno la beffa: ora esso, dopo aver compiuto il proprio lavoro, riporta lo smartphone alle impostazioni di fabbrica.

Brata, che al momento della sua apparizione colpiva di preferenza gli utenti di banche brasiliane, ha nel tempo ampliato il proprio raggio d'azione tanto che oggi agisce anche in Italia: la sua diffusione attraverso vari canali contemporaneamente - Google Play, marketplace di terze parti, messaggi via WhatsApp o SMS, notifiche da siti web compromessi - ha fatto sì che arrivasse in quasi tutto il mondo.

L'ultima versione, individuata da Cleafy Labs, non incorpora soltanto un kill switch che, effettuando un reset completo dello smartphone, cancella ogni traccia del malware stesso, ma dispone anche di ulteriori caratteristiche che prima non c'erano.

Brata ora infatti ha anche un sistema di tracciamento GPS, migliori sistemi di comunicazione con i server che lo controllano, ed è in grado di sorvegliare costantemente le app bancarie della propria vittima, oltre a funzionare a pennello con le banche europee, statunitensi, e dell'America latina.

Per lo più, la versione attuale sembra aver abbandonato le modalità di diffusione che potevano attirare troppo l'attenzione, come le app infette in Google Play, e preferisce affidarsi a messaggi truffaldini che si spacciano per comunicazioni bancarie ufficiali.

Ciò comporta che gli utenti debbano sempre tenere alta la guardia: prima di fidarsi ciecamente di un messaggio apparentemente proveniente da fonti sicure è bene sincerarsi che, in realtà, non nasconda una truffa ben fatta. Evitare questo passaggio rischia di poter costare molto caro, anche in termini prettamente economici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Contanti e coscienti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

@gomez In effetti sono quei messaggi che cancello senza averne letta neppure la metà.
4-2-2022 18:21

Accidenti, geniale, pensa te, un link da cliccare, non si era mai visto un metodo così sofisticato e innovativo! :roll: :roll: :roll: :roll: :roll: :roll: Leggi tutto
2-2-2022 12:26

Sì, ne mando un po' a caso ogni tanto ma non ci casca mai nessuno, chissà perché. Forse dovrei tornare ad "enlarge your p***s" come ai bei vecchi tempi... :idea: Leggi tutto
2-2-2022 08:06

Almeno quando hai detto "accetto" davanti all'altare c'erano dei testimoni... :wink: Leggi tutto
2-2-2022 08:04

{LucaM}
A me qualche giorno fa è arrivato una mail nella quale si chiedeva di verificare i dati di accesso pena la sospensione della carta. Mi si è aperta una bella pagina iniziale della Banca Intesa. Lì per lì stavo per cascarci, poi mi son detto: ma io non sono più in questa banca da almeno 3 anni...
1-2-2022 23:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (402 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics