Nvidia rinuncia ufficialmente all'acquisizione di ARM



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-02-2022]

nvidia rinuncia acquisizione arm

Già alla fine dello scorso mese le voci puntavano in questa direzione ed erano abbastanza credibili, ma ora c'è la conferma ufficiale: Nvidia ha rinunciato all'acquisizione di ARM, un'operazione dal valore di 40 miliardi di dollari al tempo dell'annuncio, ma che oggi era stimata addirittura 60 miliardi di dollari.

L'annuncio è stato dato da Nvidia e SoftBank (il gruppo che controlla ARM), senza dilungarsi sulle motivazioni ma limitandosi a parlare di problemi posti dagli enti regolatori del mecato, ossia le varie autorità antitrust.

ARM ha quindi annunciato, come ci si aspettava, che si sta preparando a lanciare una Offerta Pubblica Iniziale per la quotazione in Borsa, confermando inoltre che continuerà a lavorare a stretto contatto con Nvidia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel aggredisce il settore delle schede grafiche economiche
È ufficiale: Nvidia acquisisce Arm

Commenti all'articolo (3)

@Homer S. Intendevo che probabilmente il momento non è propizio a causa dell'attenzione delle varie authorities antitrust che hanno alzato il livello di attenzione, in questo caso, parimenti, sarebbero probabilmente altrettanto attente anche in caso di interessamene delle aziende che tu citi. Poi in una fase in cui le acque si calmano... Leggi tutto
13-2-2022 18:04

Se fosse, sarebbe un grosso azzardo. Soggetti che potrebbero volergliela sfilare di mano non mancano: io citerei almeno Google, Huawei, forse Microsoft e persino Apple, più qualche outsider tipo Disney che ultimamente dei soldi che fa non sa come spendere. Non cito Amazon solo perché per me ormai quelli si comprerebbero anche Marte se... Leggi tutto
13-2-2022 10:57

O forse solo rimandato in attesa di tempi più propizi? Leggi tutto
12-2-2022 14:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2744 voti)
Settembre 2022
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 settembre


web metrics