Intel aggredisce il settore delle schede grafiche economiche

Obiettivo: conquistare la fascia medio-bassa del mercato a prezzi ragionevoli. Le Arc Alchemist sfidano le proposte di Nvidia e ARM.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-09-2021]

intel arch schede grafiche

L'atteso debutto di Intel nel settore delle schede grafiche è ormai prossimo a diventare realtà, e anche il posizionamento al quale punta il gigante di Santa Clara è ormai chiaro.

Dovendo scontare l'inevitabile ritardo tecnologico rispetto ai due maggiori attori di questo segmento del mercato, ossia Nvidia e AMD, Intel ha saggiamente deciso di non volersi immediatamente scontrare con i pesi massimi, presentando prodotti che vogliano posizionarsi in fascia alta.

Invece, le Arc Alchemist di Intel saranno schede di fascia medio-bassa, e avranno un prezzo adeguato: al di sotto - secondo le indiscrezioni - dei 300 dollari (con proposte anche al di sotto dei 200 dollari).

È questa una buona notizia per quanti hanno bisogno o desiderio di acquistare una scheda grafica e non necessitano dell'ultimo modello sul mercato ma si trovano comunque davanti a prezzi esagerati anche per prodotti di livello medio.

L'ingresso in campo di Intel potrebbe riportare un po' di normalità in un settore - vuoi per gli accaparramenti dei miner di criptovalute, vuoi per la perdurante scarsità di chip - i prezzi sono schizzati verso l'alto e tuttora, nonostante qualche piccola riduzione qua e là, ancora non sono tornati a livelli accettabili.

D'altra parte, né Nvidia né AMD hanno intenzione di farsi cogliere alla sprovvista. La prima ha non a caso già annunciato una riedizione della GPU RTX 2060, che ha debuttato originariamente oltre due anni fa e dovrebbe tornare entro la fine dell'anno o all'inizio del prossimo, aggiornata però aumentandone la dotazione di RAM sino a 12 Gbyte, proprio per mantenere una presenza importante nella fascia inferiore del mercato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel, nel nuovo logo la risposta ad Arm
Intel, la grafica integrata nei processori batte Nvidia
Intel, nelle Cpu c'è una falla che non è possibile sanare
La prima scheda grafica discreta di Intel da vent'anni
Lo strano caso della patch per le CPU Intel che vieta di pubblicare benchmark
Intel, la prima Gpu discreta
Intel, il CEO si dimette. Ma non per i motivi che ci si aspetterebbe
Intel entra nel mercato delle schede grafiche, sfidando nVidia e Amd

Commenti all'articolo (5)

{Ruzzolo}
Se hanno un rapport watt/hash rate favorevole, non arriveranno nemmeno negli scaffali.
15-10-2021 14:27

L'aumento dell'offerta con conseguente riduzione dei monopoli dovrebbe essere sempre bene accetta e di buon augurio, in questo caso però ho dei dubbi forse dovuti ai trascorsi del nuovo attore.
18-9-2021 14:44

{al}
hanno troppi core. finiranno a minare pure queste
15-9-2021 08:47

{utente anonimo}
Be voglio sperare che il supporto a Linux con sviluppo attivo dei driver open source sia all'altezza della tradizione Intel.
14-9-2021 16:33

{giovanni}
Intel, una volta l'incumbent, ora è costretta ad inseguire i concorrenti che a suo tempo ha ostacolato in tutti i modi, anche illegali, compreso il furto di brevetti. Per quanto mi riguarda non compero più niente da questa aziewnda poco seria (per usare un eufemismo) da moltissimi anni, con estrema soddisfazione, anche... Leggi tutto
13-9-2021 20:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1953 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics