Una dura lezione dall'Internet delle Cose

Cassandra Crossing/ Il caso Insteon dimostra la caducità degli oggetti IoT e che i consumatori non possono più stare zitti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-04-2022]

insteon

Lo scorso venerdì 15 aprile è stato peggio dei venerdì 13 e 17 messi insieme per i clienti di Insteon che avevano comprato oggetti Internet of Things o realizzato impianti di domotica usando componentistica di questo produttore. Infatti, quando l'azienda ha chiuso baracca e burattini dalla sera alla mattina, i dirigenti sono fuggiti (alcuni cancellando ogni traccia della loro appartenenza all'azienda anche da LinkedIn e cambiando nickname) e la titolarità dell'azienda è passata a un ente liquidatore, tutti i clienti si sono trovati con app con icone grigie ed eleganti oggetti "morti". C'è voluto poco perché si rendessero conto di aver perso tutti i soldi che gli erano costati, e tutto il tempo che gli avevano dedicato. Si sono ritrovati con eleganti mattoncini, buoni solo come fermacarte o per essere tirati nel muro come sfogo.

I 24 informatissimi lettori certo immaginano che a Cassandra, del fatto in sé, interessi il giusto; sanno benissimo che questa profezia l'ha ripetuta molte volte nell'ultima decina di anni, e che, in fondo in fondo, per i clienti dell'azienda (quasi tutti americani) gli dispiace. Ma Cassandra deve ripetere oggi che a quei clienti gli sta bene, anzi che è contenta che sia avvenuto un caso così esemplare e "perfetto", in modo che possa servire da esempio e lezione.

Lezione a chi? Ai poveracci che si ritrovano con un costoso termostato morto o un impianto di domotica paralizzato per sempre? No, assolutamente! Lezione per tutti quelli che hanno investito centinaia o migliaia di euro in oggetti che, per loro fortuna, sono tuttora funzionanti, e che quindi possono trarne, senza danni immediati, un insegnamento per il loro futuro e soprattutto per il futuro dei loro prossimi acquisti.

C'è inoltre un aspetto importantissimo che rende Cassandra soddisfatta, non in maniera maligna, del modo improvviso e traumatizzante con cui si è svolta la vicenda. Infatti, nell'atteggiamento "pusillanime" di tutti gli attori coinvolti, Cassandra intravvede il loro timore, e per noi la speranza, che questa volta gli enti regolatori, in primis quelli americani, dovranno per forza intervenire, visto che l'evento, se non contrastato, potrebbe anche causare un'inversione di tendenza in un mercato, come quello dell'IoT, che fino a ieri ha avuto una crescita esplosiva, ma già oggi sta scontando la recessione di pandemia e guerra.

Lo si intuisce anche dalla "notizia", data dall'ente liquidatore di Insteon, che il software cloud che pilotava i loro prodotti "potrebbe" essere messo a disposizione dei clienti. Non illudiamoci; in primis il software è un importante asset finanziario anche per il liquidatore, e poi non siamo più nel 2005 ai tempi del Nabaztag, quando il loro software cloud relativamente semplice fu reingegnerizzato da gruppi di appassionati, che ancora oggi (come Cassandra) li mantengono in buona salute.

I software IoT cloud attuali sono molto più complessi e girano su hardware altrettanto complessi; è improbabile che qualcuno abbia abbastanza voglia, soldi e tempo di rimettere in funzione quello di Insteon, anche se venisse messo a disposizione. Chi volesse farsi un'idea della complessità dell'IoT in cloud, potrebbe leggersi almeno la prima parte di questo corso, ancora molto attuale, preparato dall'alter-ego di Cassandra.

Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (1165 voti)
Leggi i commenti (17)

Ma questa volta, secondo Cassandra, il mondo industriale e finanziario dell'IoT non potrà semplicemente permettersi di ignorare la vicenda; qualcuno probabilmente "cavalcherà" la faccenda, e in qualche modo leggi e regolamenti cominceranno a tener conto di queste situazioni e a regolamentarle "a priori", mettendo qualche primo, anche se timido, "paletto legale" alle aziende del settore. Forse un inizio.

Chi vende non "oggetti", ma "terminali di servizi cloud" dovrebbe offrire informazioni e garanzie ai suoi clienti, in modo che siano consci di non star comprando un oggetto completo, ma uno che dipenderà per sempre dalla buona salute finanziaria e dalla volontà del suo fabbricante.

Come sui pacchetti di sigarette, sulle eleganti scatole degli oggetti IoT ci dovrebbero essere annunci impressionanti ed immagini repellenti, bordate di spessi margini neri: "Attenzione, quest'oggetto contiene Cloud, e può nuocere gravemente al vostro umore e alle vostre finanze" oppure "Attenzione, quest'oggetto può smettere di funzionare in ogni momento e senza preavviso".

Questa sarebbe anche la volta buona perché le associazioni di consumatori smettessero di occuparsi solo di ammorbidenti o dei prezzi dei laptop, e cominciassero a fare una sana azione di lobbying per far approvare leggi e regolamenti che normino in maniera adeguata questi oggetti ibridi materiali/immateriali, venduti come se fossero cose "normali", senza nemmeno prevedere, come per gli alimenti confezionati, una "data di scadenza".

Ma tutto questo sarà inutile, e il cambiamento non avverrà mai, se legioni di consumatori continueranno a comprare senza nessuna garanzia queste eleganti scatolette e a mettersele con soddisfazione addosso o in casa.

Chi capisce anche solo un po' di informatica o elettronica (c'è differenza tra le due, ormai?) deve rendersi conto che l'IoT è di per sé un oggetto labile e dipendente da altri, e che non può comprarlo d'impulso senza avere garanzie sulla durata del servizio cloud corrispondente, o sul suo funzionamento autonomo (magari parziale) senza cloud. Deve insomma metabolizzare che l'unica IoT sicura è quella fatta, o almeno gestita, totalmente in casa. E dovrebbe sentire come dovere morale di informare, tutte le volte che vede situazioni del genere a casa di amici e parenti, gli ignari acquirenti di oggetti "posseduti dal demonio" e non da loro, di ciò che può succedergli in ogni momento. E spiegargli chi sono i veri padroni di quello che loro credono di aver comprato.

NdA: Non so se qualcuno dei 24 indistruttibili lettori si sia accorto che siamo, davvero non so come, giunti al numero 500 di questa fortunata e longeva rubrica, che va avanti dal lontano 1 settembre 2005, prima su Punto Informatico e negli ultimi anni su Zeus News. In ogni caso spero che sia stata utile e di piacevole lettura per tutti, almeno quanto lo è stato per me scriverla. Grazie.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le teste che non rotolano
La prevedibile banalità del Male
Neo Luddismo
La Biblioteca di Babele della IA
Diffidate di qualunque apparecchio abbia meno di 10 anni
Salvini, l'Infosfera e l'Intelligenza Artificiale
Pillole di /e/OS: come degooglizzare lo smartphone
L'inventario della vostra IoT
IA: ragionare usando i dati
La disintossicazione dallo streaming
Lo smartphone è davvero spento oppure è un nemico in tasca?
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
Log4j, stavolta ci è andata bene
L'insostenibile debolezza del middleware: log4j
La rinascita della stampante
Il Nobel ad Assange
L'insopportabile fragilità di Internet
La Democrazia della Sorveglianza
Tecnocontrollo e diritti civili
Guerra Fredda nell'Internet delle Cose

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

il problema qui in europa e che un fornitore di servizi, a una regolamentazione leggermente diversa dagli stati uniti, per questo alcune ditte che producono, o meglio commercializzano i propri prodotti, riescono si a vendere negli USA, ma poi quando pensano di sbarcare in Europa, si fermano immediatamente. non perché sia impossibile,... Leggi tutto
5-5-2022 16:58

@Cesco67 Ok, ora ho capito meglio il tuo punto di vista, in questi termini sono d'accordo su tutto allora.
1-5-2022 10:06

Intendevo dire che (IMHO) la maggior parte di chi realizza impianti domotici (non le apparecchiature), che può essere il diretto interessato o un installatore, utilizza device IoT per la semplicità. Nella mia carriera ne ho eseguiti un paio, parlo di una ventina di anni fa, e visto il periodo erano ovviamente offline, ma funzionavano... Leggi tutto
30-4-2022 16:31

Congratulazione e spero di leggerne altri 5000 di questi articoli! :clap: :clap: :clap: Leggi tutto
30-4-2022 14:19

Pienamente concorde ma ritengo non succederà mai! :roll: Leggi tutto
30-4-2022 14:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste dieci affermazioni concordi di più?
I soldi non sono tutto nella Vita. Adesso cerca di farlo capire anche all'ufficiale giudiziario.
Non bisogna calpestare i Sentimenti altrui. Gli unici autorizzati a farlo portano gli anfiibi.
Ama il prossimo tuo. No, non questo, il prossimo!
La Salute è la cosa più importante. C'è soddisfazione a suicidare un organismo funzionante al 100%?
E' l'Amore che muove il Mondo. Chi ha premuto il bottone della pausa?
Una persona Produttiva si alza all'alba. Proprio mentre sta chiudendo la Borsa di Tokio.
La Famiglia è uno dei valori fondamentali. Me lo dicono sempre le mie due mamme e i miei tre papà!
Il Lavoro ci rende liberi. Questo è giusto, infatti sappiamo da dove viene la frase, vero?
Il merito viene sempre premiato. Specie se i tuoi talenti li esprimi nel sesso con qualcuno ricco.
Non dovrei perdere tempo a leggere fesserie del genere. Hai ragione, ma l'hai capito troppo tardi!

Mostra i risultati (2648 voti)
Maggio 2022
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Una storia di phishing bancario diversa dal solito: il ladro beffato
Aprile 2022
Una dura lezione dall'Internet delle Cose
Bug nell'app Messaggi, e la batteria si scarica in fretta
Gli USA ottengono l'estradizione di Assange
L'utility che ripulisce Windows 11 è in realtà un trojan
Hacker cinesi sfruttano VLC per diffondere malware
Quando l'intelligenza artificiale bara: l'aneddoto degli husky scambiati per lupi
Che si fa con Telegram? È russo
Lapsus$, arrestati due hacker: sono adolescenti
Registro delle Opposizioni e cellulari, la norma è in Gazzetta Ufficiale
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 maggio


web metrics