Il ransomware che obbliga le vittime a fare beneficenza

Il riscatto consiste in tre buone azioni da filmare e rendere pubbliche.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-05-2022]

goodwill malware ransomware beneficienza

Sotto molti aspetti, GoodWill è un ransomware come tanti altri: una volta che s'è installato sui PC delle vittime crittografa i file e poi avanza una richiesta di riscatto.

Ciò che distingue GoodWill dagli altri ransomware è la natura del riscatto: in genere, si tratta di versare una certa somma su un account in criptovaluta, a seguito del quale gli autori del malware dovrebbero fornire la chiave per decrittare i file resi illeggibili.

Nel caso di GoodWill, invece, la vittima deve compiere alcune "buone azioni" e inviare prova di averle davvero portate a termine.

Nel dettaglio, la vittima deve: fornire coperte e vestiti a dei senzatetto; portare cinque bambini «meno fortunati» in un ristorante (gli hacker suggeriscono Domino's, Pizza Hut, o KFC); recarsi in un ospedale, individuare qualcuno che ha urgente bisogno di affrontare una spesa di natura medica senza averne i soldi, e pagare al suo posto..

Nei primi due casi, il "compito" va filmato e il video deve essere pubblicato sui social network; nel terzo caso è necessario registrare la conversazione con il beneficiario e inviare la registrazione agli autori del malware.

Infine, bisogna pubblicare sui social network un post in cui si ammette che il ransomware GoodWill ha trasformato la sua vittima «in un essere umano gentile».

Nonostante i molti riferimenti che farebbero pensare a un'origine statunitense del malware (le catene di ristorazione indicate, i problemi legati ai debiti con le strutture sanitarie, e la convinzione che si possano costringere le persone a essere generose), i ricercatori di Cloudsek ritengono che le origini di GoodWill siano da ricercare in India, presso un'azienda che offre soluzioni legate alla sicurezza informatica.

Per proteggersi da GoodWill valgono le solite considerazioni: evitare di aprire link e allegati sospetti arrivati via email, non visitare siti di dubbia reputazione, e tenere un backup offline sempre aggiornato da cui ripartire in caso di disastro.

goodwill01
goodwill02
goodwill03

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Decisamente assurdo rispetto ad un ransomware standard ma, per il resto, completamente assimilabile ad essi.
4-6-2022 13:56

Robin Hood è solo un personaggio immaginario, non è molto significativo in questo contesto. Leggi tutto
30-5-2022 14:00

Si sarebbe detto lo stesso di Robin Hood?
30-5-2022 12:31

Un ricatto e' un ricatto. Inoltre, se obblighi forzatamente una persona a fare qualcosa di buono, non la rendi di certo migliore.
30-5-2022 09:05

Che importa se sbandiera nobili propositi, è solo una mossa pubblicitaria o è solo una forma di estorsione vera e propria? Sempre ricatto è. Oltretutto, che se sa il delinquente di quanto realmente meritevole e generosa sia la sua vittima? Potrebbero colpire persone che già di loro fanno ben più di quello. Spregevoli, punto.
30-5-2022 07:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (407 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics