40 anni di Commodore 64



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-08-2022]

40 anni commodore 64

Quest'anno, il mese di agosto non è soltanto dedicato alle ferie: è anche il periodo in cui si verifica un anniversario importante per la storia dell'informatica.

Il computer più venduto al mondo, il Commodore 64, compie infatti 40 anni, essendo stato messo in vendita negli Stati Uniti nell'agosto del 1982.

Il Commodore 64 non fu il primo modello di home computer a 8 bit realizzato da Commodore International, ma fu certamente il più famoso: succeduto al Commodore PET e al Commodore VIC-20, era così orgoglioso del proprio, esagerato quantitativo di RAM (ben 64 Kbyte, non tutti a disposizione dell'utente) da far sì che quell'indicazione facesse parte del nome.

Non fu peraltro soltanto la dotazione di memoria (seriamente notevole, per un computer che costava meno di 600 dollari nel 1982) a decretare il successo del Commodore 64, che in patria riuscì a conquistare una quota di mercato tra il 30% e il 40%: volendo considerare il solo hardware, bisogna per lo meno ricordare il leggendario chip SID (MOS 6581), responsabile della riproduzione dei suoni, e il VIC-II, che gestiva la grafica.

Cuore del Commodore 64 era il processore MOS 6510, dotato di una frequenza di clock pari a 1 MHz, un derivato del MOS 6502 ma dotato di registri aggiuntivi per la gestione diretta del datassete, il lettore/registratore di cassette.

Naturalmente, fondamentale per la diffusione del Commodore 64 fu anche il software: non tanto quello per la produttività personale o per l'ufficio, pure esistente, ma i videogiochi, che facevano dell'home computer l'oggetto del desiderio di milioni di bambini (e non solo).

I dati di vendita del Commodore 64 non sono chiarissimi: le cifre disponibili variano parecchio, da circa 12 a circa 30 milioni di esemplari venduti; tuttavia, è il Guinness dei Primati stesso a consacrare questo modello come il computer più venduto al mondo e, se stiamo a quanto dichiarato a suo tempo da Jack Tramiel, fondatore di Commodore, i numeri reali potrebbero aggirarsi intorno ai 20 milioni.

Tale successo raggiunse anche l'Europa, sebbene il Vecchio Continente abbia generato alcuni rivali degni di nota: lo ZX Spectrum di sir Clive Sinclair, in primis, e la linea di home computer di Amstrad, il cui modello più famoso fu forse il CPC-464.

Oggi, il Commodore 64 è un oggetto per collezionisti che negli ultimi anni ha visto un ritorno importante di popolarità: non soltanto gli esemplari tuttora in circolazione (funzionanti o meno) sono contesi dagli appassionati, ma è tutto un fiorire di canali YouTube dedicati al retrocomputing in generale e alla Commodore in particolare, per non parlare dei diversi emulatori, online e no, che consentono di provare, almeno in parte, ciò che doveva provare un appassionato di informatica quattro decenni fa.

Chi volesse tra le mani qualcosa di concreto può poi considerare prodotti come il C64 Mini mentre, per testimoniare la vitalità di una piattaforma che sembrerebbe non aver più spazio nel mondo dell'informatica di oggi, non possiamo non segnalare come a tutt'oggi ci siano programmatori che rilasciano nuovi giochi proprio per il Commodore 64.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Commodore 64 ritorna sulla Wii
Arriva MAME a 64 bit

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

E' curioso che 40 in esadecimale, corrisponda a 64 in decimale
4-8-2022 11:35

{al}
65k perchè c'è anche 1k aggiuntivo di color ram.
2-8-2022 18:16

Beh, io mi ricordo bene che struttura sociale generava: chi aveva il C64 era un figo con i soldi, chi non se lo poteva permettere... Non batteva chiodo :shock: P.S.: io non poteva. Leggi tutto
2-8-2022 16:16

{Lucio Menci}
mi sembra ieri che ci smanettavo sopra e facevo programmini in "linguaggio macchina" Forse sono un po' più giovane. Io sono partito all'inizio (chissà perché, ero convinto fosse l'81) scopiazzando dalle riviste che pubblicavano i sorgenti...
2-8-2022 15:55

{pogopogo}
Nessuno che non abbia vissuto quei tempi può lontanamente capire "ciò che doveva provare un appassionato di informatica quattro decenni fa". Non era solo la questione di questo nuovo strumeto "totipotente", ma anche l'intera struttura sociale di contorno che generava una prospettiva che è... Leggi tutto
2-8-2022 11:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2111 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 agosto


web metrics