La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-09-2022]

regina

È il 26 marzo 1976. Presso la sede del Royal Signals and Radar Establishment, un istituto di ricerca scientifica del Ministero della Difesa britannico situato a Malvern, nel Regno Unito e specializzato in telecomunicazioni, una donna si avvicina a un terminale connesso ad Arpanet, il precursore di Internet, e invia una mail con un testo molto complesso:

"This message to all ARPANET users announces the availability on ARPANET of the Coral 66 compiler provided by the GEC 4080 computer at the Royal Signals and Radar Establishment, Malvern, England. Coral 66 is the standard real-time high level language adopted by the Ministry of Defence."

La donna, in altre parole, sta annunciando a tutti gli utenti di ARPANET che il compilatore per Coral 66, il linguaggio di programmazione realtime di alto livello standard adottato dal Ministero della Difesa del Regno Unito per i suoi computer, è disponibile online ed è fornito dal computer GEC 4080 presso l'istituto di ricerca stesso.

Un annuncio molto tecnico, insomma, che la donna firma usando il proprio nome utente: HME2. È l'acronimo di Her Majesty Elizabeth II, perché quel messaggio viene inviato appunto dalla regina Elisabetta II. Si tratta di una delle primissime mail mandate da un capo di stato.

Intendiamoci, quel giorno la regina Elisabetta non ha rivelato di essere segretamente una hackeressa smanettona d'informatica: l'account e il messaggio sono stati preparati per lei da Peter Kirstein, l'uomo che era riuscito nell'impresa tecnica e politica non banale di collegare il Regno Unito, e specificamente l'Università di Londra, alla nascente rete informatica internazionale ARPANET nel 1973.

Kirstein sarà poi uno dei principali artefici dell'adozione, una decina di anni più tardi, dei protocolli TCP/IP che permetteranno a computer di marche differenti di parlarsi usando una serie di regole condivise (un protocollo, appunto) e renderanno possibile Internet come la conosciamo noi. La sua vicenda è raccontata in dettaglio in un articolo di Wired del 2012, che include una foto della regina Elisabetta mentre manda questa fatidica prima mail.

Non sarà l'unico incontro della regina con la tecnologia: nel 1997 inaugurerà la prima versione del sito Web della famiglia reale (www.royal.uk), anticipando di vari anni persino molti giornali nazionali; nel 2007 lancerà il canale Youtube della famiglia (Youtube.com/c/TheRoyalFamilyChannel); nel 2010 arriverà su Facebook e nel 2014 manderà il suo primo tweet dall'account @RoyalFamily.

A marzo 2019 manderà il suo primo post su Instagram, dedicandolo nientemeno che al pioniere dell'informatica Charles Babbage.

Durante la pandemia da Covid-19, a giugno 2020 sarà la prima monarca del Regno Unito ad adottare le videoconferenze.

Per dare un'idea di quanto sia cambiato il mondo nei suoi lunghi anni di regno, quando fu incoronata, a giugno del 1953, non esisteva la TV via satellite (anzi, non esistevano proprio i satelliti, visto che il primo, lo Sputnik, fu lanciato nel 1957). I segnali televisivi britannici non erano ricevibili nel continente americano se non in rare occasioni di riflessione sulla ionosfera e comunque con qualità scarsissima.

Per far vedere alla TV americana e canadese la cerimonia della sua incoronazione con il minimo ritardo possibile, fu necessario realizzare una staffetta tecnica senza precedenti: le immagini televisive, rigorosamente in bianco e nero, furono riprese con una cinepresa, su pellicola 35 mm (perché all'epoca non esistevano i videoregistratori su nastro), e le pellicole furono caricate man mano su bombardieri militari Canberra della RAF. Le pellicole furono sviluppate durante il volo transatlantico e poi, una volta arrivate a terra, proiettate davanti a una telecamera per diffonderle ai telespettatori d'oltreoceano qualche ora dopo l'evento.

regina2

Oggi abbiamo non solo la TV via satellite ma anche lo streaming in tempo reale, a colori e in alta definizione, via Internet.

Può sembrare strano con gli occhi ipermediatici di oggi, ma all'epoca la trasmissione televisiva dell'incoronazione fu accompagnata da alcune polemiche, perché si riteneva poco dignitoso aprire al pubblico questo momento così rituale della monarchia. Alcuni membri del Parlamento e della famiglia reale britannica si opposero a questa presunta mancanza di rispetto e all'idea che qualche suddito potesse, per dirla con le parole di un membro del Parlamento, "assistere a questa Cerimonia solenne e significativa tenendo al gomito una tazza di tè" (Science Museum). Ma la regina in persona insistette per fare la diretta TV.

Mica male, per il fantomatico utente HME2.

Fonti aggiuntive: CBC, Pro Video Coalition, Bamagz, BBC, TV Insider.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Forse resteranno amebe e protozoi, in ogni caso no credo si preoccuperanno troppo...
2-10-2022 14:44

In quel caso non ci sarÓ nessuno a preoccuparsene.
1-10-2022 19:40

Se andiamo avanti di questo passo fra 70 anni non ci sarÓ nemmeno pi¨ la TV, anzi forse non ci saranno neppure pi¨ esseri umani... :roll: Leggi tutto
1-10-2022 13:52

VERAMENTE SONO DUE LE ACCA MANCANTI, LA PRIMA NEL PRIMO CAPOVERSO LA "A" DAVANTI A 'DATO PROVE INNUMEREVOLI...' DEVE AVERE UNA ACCA PERCHE' SIAMO DI FRONTE AD UN VERBO AUSILIARE. NEL SECONDO BLOCCO LA "A" INIZIALE E' UN VERBO (AVERE CERCATO) QUINDI LE ACCA MANCANTI SONO DUE. :roll:
25-9-2022 14:52

il segno dei tempi, a proposito, hai dimenticato un'acca :lol: mala tempora currunt! Leggi tutto
24-9-2022 11:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei disposto a pagare per l'acquisto di prodotti per la ''casa intelligente'' nei prossimi 12 mesi?
Fino a 150 euro
Fino a 250 euro
Fino a 500 euro
Fino a 1000 euro
Oltre 1000 euro
Non sono sicuro

Mostra i risultati (1000 voti)
Dicembre 2023
Windows 10, Microsoft vara il supporto esteso oltre il 2025
YouTube Playables è realtà
Novembre 2023
Google Drive, scomparsi i file degli ultimi sei mesi
Dopo videochat con una bella ragazza, ora mi ricatta con le mie immagini intime
Windows, problemi con le licenze dopo la fine degli upgrade gratuiti
Office 2024 esiste, e non richiede un abbonamento
Google, meno di un mese alla "grande pulizia" degli account
La voce di John Lennon è da considerare autentica o sintetica?
Ottobre 2023
Windows 10, una petizione per allungare il supporto
Addio password, benvenuta passkey?
Nokia licenzierà 14.000 persone
Amazon, dal 2024 consegne coi droni anche in Italia
Microsoft Edge curiosa nei dati degli altri browser a ogni avvio
Canonical ritira Ubuntu 23.10 per “discorsi d'odio”
Windows 11, basta un comando per aggirare i controlli sull'hardware
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics