USB4 V2.0 arriva a 120 Gbit/s

Anche se soltanto a certe condizioni e per particolari applicazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-10-2022]

usb4 120gbps

All'inizio dello scorso settembre, lo USB Promoter Group aveva annunciato una bozza delle specifiche di USB4 V2.0, nuova versione dello standard che - si diceva allora - consentiva di portare la velocità di trasmissione dei dati addirittura a 80 Gbit/s.

Ora quelle specifiche sono diventate definitive e contengono una sorpresa: la massima teorica velocità raggiungibile non è più di "soli" 80 Gbit/s, ma di ben 120 Gbit/s, anche se soltanto a certe condizioni.

Questa velocità - definita «opzionale per certe applicazioni, come la gestione di schermi basati su USB4 ad altissime prestazioni» dallo USB Implementers Forum - viene infatti raggiunta operando in maniera asimmetrica «per fornire fino a 120 Gbit/s in una direzione, mantenendo 40 Gbit/s nell'altra».

In condizioni normali, una porta USB4 V2.0, anche se in grado di supportare i 120 Gbit/s, lavora a 80 Gbit/s in entrambe le direzioni; quando però vi si collega un prodotto che utilizza come modalità preferita la connessione a 120 Gbit/s, ecco che l'iniziale connessione simmetrica a 80 Gbit/s viene trasformata in una connessione asimmetrica a 120/40 Gbit/s.

I 120 Gbit/s possono essere adoperati indifferentemente in una qualsiasi delle due direzioni; d'altra parte, come spiega Brad Saunders, CEO dell'USB-IF, «è molto probabile» che l'utilizzo abituale riguardi l'invio di dati da un computer a un monitor ad alte prestazioni a 120 Gbit/s, lasciando la "corsia" a 40 Gbit/s per la trasmissione in senso inverso, dal monitor al computer.

Il fatto che si parli tanto di monitor non è casuale: questa versione dello standard USB è stata pensata per supportare agevolmente utilizzi come la gestione di display con risoluzioni superiori a 4K, con frequenze di refresh molto elevate, supporto a HDR e a più schermi.

I primi prodotti che supporteranno USB4 V2.0 non appariranno sul mercato «per almeno 12 - 18 mesi» come ha dichiarato esplicitamente lo USB-IF, e ancora non è chiaro quale nomenclatura commerciale sarà adoperata per evitare confusione nei consumatori, che a quel punto si troveranno con un unico connettore - USB-C - in grado di offrire velocità molto diverse in base ai cavi e alle porte utilizzate.

Per questo motivo, lo USB-IF vorrebbe che USB4 V2.0 adotti il nome commerciale USB 80 Gbit/s, ma non ha modo di imporre la propria volontà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Thunderbolt, trasferimento dati fino a 10 Gbit/s
Il Wi-Fi arriverà a 1 Gbit/s
Due miliardi di FireWire
4G? WiMAX e LTE pari sono
Transcend aggiunge l'USB 3.0 ai portatili

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Che c'è di strano? Le guerre fra correnti ci sono in tanti campi... magnetici e non.
24-10-2022 19:28

Siamo tornati alla guerra delle correnti, Tesla contro Edison?
24-10-2022 19:02

Se poi in corrente continua anche meglio...
24-10-2022 19:00

Basta che sia superiore a 50V, il risultato è tanto più eclatante quanto è maggiore, finché si resta nell'ambito della bassa tensione (ovvero < 1000 V)
23-10-2022 19:54

Eh sì, bisogna contentarsi, forse basta anche la 110...
23-10-2022 15:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (1580 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics