Hacker etici regalano l'anti-ransomware all'ospedale

Anche i criminali informatici hanno dei limiti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-01-2023]

lockbit hacker sickkids

Lo scorso 18 dicembre l'ospedale pediatrico canadese Hospital for Sick Children, generalmente noto come SickKids, è caduto vittima di un attacco ransomware: in conseguenza di ciò sito web, sistemi amministrativi e persino i telefoni hanno cessato di funzionare.

Se l'accaduto fosse tutto qui non ci sarebbe alcuna notizia: capita che criminali senza scrupoli prendano di mira anche le strutture sanitarie pur di racimolare del denaro, incuranti degli effetti che ciò può avere su chi in quelle strutture sta facendo affidamento.

Invece, qualcosa di inaspettato è accaduto. Nonostante le conseguenze dell'attacco siano state tutto sommato limitate - è stata solo rallentata, ma non fermata l'attività dei laboratori e della diagnostica per immagini - e sebbene il 29 dicembre l'ospedale avesse annunciato di aver ripristinato il funzionamento dei sistemi principali, i "colleghi" di chi ha organizzato la violazione si sono fatti avanti per porgere le scuse e cercare di rimediare a quanto successo.

Dietro l'accaduto c'era infatti il gruppo di hacker noto come LockBit, specializzato in Ransomware as a Service: in pratica fornisce a terzi, dietro compenso, il necessario per condurre attacchi di questo tipo. Tuttavia, LockBit a quanto pare opera in base ad alcune proprie regole etiche.

Così, il 31 dicembre gli hacker hanno annunciato che l'attacco condotto contro SickKids era opera di un loro "cliente", il quale aveva agito in violazione di dette regole, che si scusavano di quanto accaduto e che avevano già messo a disposizione gratuitamente il software necessario per decrittare i file crittografati. Inoltre, il "cliente" in questione è stato escluse da ulteriori interazioni con LockBit.

Si potrebbe quindi pensare che gli hacker di LockBit abbiano deciso di includere, tra le proprie regole, una norma che vieti loro (o ai loro clienti) di attaccare strutture come gli ospedali (o almeno gli ospedali pediatrici) ma in realtà non è la prima volta che il ransomware LockBit viene usato per crittografare i sistemi di una struttura sanitaria, senza che ciò abbia mai portato ad alcun pentimento.

Gli ospedali sono, peraltro, qualcosa di molto simile alla "vittima perfetta" per questo genere di incursioni: sono strutture che non possono permettersi di perdere tempo e interrompere l'attività (e dunque sono disposti a pagare rapidamente pur di riavere i propri file), spesso adoperano sistemi datati e non adeguatamente protetti, e hanno generalmente accesso a denaro sufficiente per rispondere alle richieste di riscatto.

In questo caso qualcosa ha smosso gli hacker; forse il fatto che SickKids sia un'importante struttura che non solo cura i bambini ma forma quanti si dedicano alla pediatria. Difficile, d'altra parte, che questa eccezione diventi una regola.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il ransomware che rispetta la privacy delle vittime
Il ransomware che fa ordine tra i documenti del PC
Attacco ransomware agli uffici cittadini, si torna a carta e penna
Sei consigli per difendersi dal ransomware

Commenti all'articolo (3)

Il criminale - informatico o meno - etico mi sembra un ossimoro, in ogni caso non conoscendo la reale motivazione che sta dietro alla scelta di questo gruppo criminale diventa difficile capirne le motivazioni, concordo comunque sul fato che si tratti di un caso isolato non destinato a ripetersi spesso.
22-1-2023 15:25

Non abbiamo informazioni dettagliate in merito alle motivazioni che abbiano spinto il gruppo hacker a comportarsi cosi. Attenendoci alle info che abbiamo dobbiamo presumere: il gruppo ha una o più regole a cui attenersi. uno o più regole sono state violate. Era necessario agire per questo gruppo, per mantenere coesione e disciplina... Leggi tutto
9-1-2023 17:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3560 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics