Attacco ransomware agli uffici cittadini, si torna a carta e penna



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-01-2019]

ransomware comune carta penna

Quali sono le conseguenze di un attacco ransomware, quelli che cifrano i dati del computer e chiedono un riscatto per restituirli? Non si può più accedere ai documenti, ricordi preziosi rischiano di andare perduti, si è costretti a rimandare certe attività.

Questo, almeno, è quanto capita se a essere colpito è un privato cittadino. Se invece a venir colpita è un'amministrazione comunale, il risultato è un ritorno al passato.

Lo scorso 10 gennaio gli uffici cittadini di Del Rio, in Texas (USA), sono caduti vittime di un ransomware: tra i 30 e i 45 computer hanno iniziato a mostrare il tipico messaggio di questa infezione (con la richiesta di un pagamento in Bitcoin) e i dipendenti li hanno immediatamente spenti.

Poi entrato in funzione il reparto IT della città il quale, nel tentativo di isolare il malware, ha disattivato la connessione a Internet per tutti gli uffici amministrativi, informando nel frattempo l'FBI e il Secret Service.

Una città, però, non si può fermare. E così gli impiegati del Comune hanno tirato fuori carta e penna e hanno continuato a lavorare come si faceva prima della rivoluzione informatica, senza nemmeno potersi concedere una pausa per dare un'occhiata a Facebook di tanto in tanto.

Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1205 voti)
Leggi i commenti (6)

Non è la prima volta che capita qualcosa del genere, e non solo in America: in Italia, a Trevenzuolo, nel 2015 i dipendenti comunali hanno dovuto rispolverare le macchine per scrivere perché s'erano guastati i dischi fissi del server centrale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Computer bloccati, in Comune si lavora con le macchine da scrivere

Commenti all'articolo (1)

Carta e penna: il backup più sicuro... :wink:
20-1-2019 14:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (338 voti)
Aprile 2019
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Tutti gli Arretrati


web metrics