AMD ammette: forniture di GPU limitate per tenere alti i prezzi.

Ma non è certo l'unica azienda a farlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-02-2023]

amd schede grafiche prezzi

Chi ha seguito l'andamento del mercato dell'hardware negli ultimi anni ricorderà come, con l'esplosione di popolarità delle criptovalute, i prezzi delle schede video abbiano subito un rialzo molto consistente.

I miner si accaparravano tutte le schede disponibili al fine di generare Bitcoin e soci: una domanda tanto importante aveva causato l'aumento dei prezzi, rendendo praticamente impossibile per gli utenti "normali" (che magari volevano soltanto una GPU dignitosa per usare i videogiochi) procurarsi una scheda grafica.

Quando poi, non molto tempo fa, il mercato delle criptovalute s'è ridimensionato, tutti si aspettavano una discesa dei prezzi delle schede video, che sarebbero dovuti tornare alla normalità. Invece ciò non è successo, anche se la domanda s'è ridotta di parecchio.

Il motivo di questa anomalia è ben spiegato dalle parole che Lisa Su, CEO di AMD, ha di recente rivolto agli investitori preoccupati della contrazione della domanda, rassicurandoli circa il fatto che i margini di profitto sarebbero rimasti invariati.

Come? Immettendo sul mercato poche schede video (ma anche relativamente poche CPU), e facendo così in modo che, pur a fronte di una domanda molto più contenuta di quanto fosse uno o due anni fa, i prezzi restino alti, poiché la disponibilità di hardware è artificialmente limitata.

Lisa Su non ha detto esattamente queste parole; ha invece affermato che AMD continuerà a distribuire GPU facendo attenzione a «mantenere bilanciate domanda e offerta». «Abbiamo spedito meno del necessario nel terzo trimestre, e fatto lo stesso nel quarto trimestre. Faremo lo stesso nel primo trimestre» ha aggiunto.

Si capisce che, al di là della forma, il concetto è esattamente quello che abbiamo espresso qualche paragrafo più sopra: AMD sta - senza provare alcuna vergogna - tenendo alti i prezzi riducendo l'offerta in maniera artificiosa. La colpa della carenza di schede video a prezzi abbordabili non è più dei miner o degli scalper: è dei produttori stessi, tutti quanti.

Sarebbe infatti ingiusto ritenere che AMD sia la sola a operare in questo modo. Appena lo scorso mertedì, 31 gennaio, Sony ha comunicato l'intenzione di ridurre le consegne di PS VR2 del 50%; Nvidia, poi, addirittura lo scorso novembre aveva affermato che la propria strategia per combattere il calo della domanda era di limitare le forniture.

Ecco perché tuttora le schede grafiche correnti hanno prezzi che si aggirano intorno ai 1.000 euro (e spesso li superano), esattamente come durante la "febbre dell'oro" da criptovalute.

Né c'è molto che si possa fare, se si vuol assistere a un calo dei prezzi, se non agire con il portafogli; nella fattispecie, tenendolo chiuso e rimandando l'acquisto di una nuova scheda video, finché i produttori vedranno che questa manipolazione del mercato non paga.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Luci (poche) ed ombre (tant) del libero mercato anche se i cartelli, in realtÓ, sono una stortura drogante dello stesso.
11-2-2023 14:21

Questa strategia infantile operata da AMD che risulta di cortissimo respiro, si basa sul fatto che tutti comprano AMD, e si deve obbligatoriamente basare sul fatto che NVIDIA segua lo stesso percorso. E che nessuno ritenga dignitoso hardware intel, SIS, S3, Matrox, Neotech, PowerVR e via discorrendo. nel momento che gli utenti per... Leggi tutto
6-2-2023 20:37

{bioluca}
Il mondo è ancora primitivo dal punto di vista umano. Questo mondo primitivo produce le aziende come sono sempre state fino ad oggi: degli enti psicopatici (perché antepongono il denaro alle persone) capitanate, ovviamente, da persone psicopatiche. Naturalmente in un forum di informatica non entro nel merito delle varie... Leggi tutto
6-2-2023 09:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono le tue competenze nel campo della multimedialitÓ?
Uso un Media Player per guardare gli allegati che mi arrivano per posta o che trovo in rete
Mi basta riuscire a fare una copia di backup dei miei CD e DVD
Non sono molto esperto, ma cerco di imparare
Sono un amatore evoluto: monto i miei filmati e masterizzo i DVD
Sono un professionista del settore

Mostra i risultati (2073 voti)
Marzo 2023
iPhone 15, addio alle SIM anche in Italia?
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 marzo


web metrics