Aiuto, c'è una rana nel computer

Ritorna con vigore un antichissimo appello-bufala riguardante un salvaschermo della birra Budweieser.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2005]

[immagine di una rana]

A volte ritornano. Anzi no, le bufale tornano sempre: stavolta è il turno della bufala del salvaschermo della Budweiser. "ATTENZIONE", recita una delle varianti ora in circolazione grazie al passaparola degli utenti allarmati, "Qualcuno sta trasmettendo un salva schermo molto carino con le rane della birra BUDWEISER. Se lo installate, perderete tutto! Il disco rigido si rovinerà e qualcuno da internet vi toglierà l'e-mail.".

Come in ogni buon appello-bufala, non manca la frase eternizzante, ossia quella che la rende sempre attuale anche se passano gli anni: "E' uscito ieri." E ovviamente sarà sempre "ieri" anche fra un decennio. Né manca l'invito a diffondere: "Per favore, distribuite questo messaggio. E' un virus perverso di nuovissima generazione del quale pochissima gente ha sentito parlare."

C'è persino il terzo ingrediente classico, ossia la falsa fonte autorevole: "Quest'informazione e stata diffusa da MICROSOFT ieri mattina.... AMERICA ONLINE ha detto che si tratta di un virus molto pericoloso e che per il momento: NON HA RIMEDIO".

Capire che si tratta di una bufala è abbastanza semplice per chi le frequenta, perché manca ogni informazione concreta e non viene fornita alcuna fonte precisa. Un appello autentico, come quelli emessi talvolta dalle società che producono antivirus, conterrebbe un link a una pagina informativa con tutti i dettagli del caso.

In realtà, in questo caso la società antivirale Symantec ha sì una pagina che parla di quest'appello, ma per smentirlo: è infatti classificato come hoax (bufala), con versioni olandesi, inglesi, tedesche e spagnole. Stando a Trend Micro, l'appello risale al 1997.

Contro questo e altri appelli dello stesso genere, valgono le regole di sempre: non inoltrare prima di aver verificato, e partire dal presupposto che gli appelli sono quasi sempre falsi; meno sono circostanziati, più è probabile che siano falsi. Una rapida ricerca in Google con le parole chiave del messaggio di solito fornisce informazioni sufficienti alla verifica.

E' tuttavia indubbio che questa bufala potrebbe avverarsi: nulla impedisce a qualche vandalo di confezionare un virus travestendolo da salvaschermo e chiamarlo budweiser.scr. Anzi, i falsi salvaschermo sono uno dei metodi d'infezione preferiti in Windows. Pertanto, invece di affidarsi ad appelli di dubbia autenticità, conviene sottoporre tutto quello che si riceve, da qualsiasi fonte, a un controllo con un antivirus aggiornato e comunque non aprire gli allegati non indispensabili.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (4)


Luigi
Windows offre lo strumento per rimuovere le rane.. Leggi tutto
17-5-2005 12:27

ale
aumentiamo l'informazione!! Leggi tutto
12-5-2005 19:56

Casella 12
anfibi e ungulati Leggi tutto
10-5-2005 08:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste professioni obsolete secondo te ha ancora un futuro?
Agente di viaggio. C' ancora qualcuno che prenota le vacanze in agenzia? (Parrebbe di s)
Cassiera di supermercato. Sostituita dalle casse automatiche e dalla spesa online. (Ma i clienti rimangono affezionati al vecchio sistema)
Centralinista. Sostituito dai centralini digitali. (Eppure resiste in molte aziende)
Data entry. Mai sentito parlare di scanner e OCR? (Invece c' chi inserisce ancora tutto a mano)
Dattilografo. I dirigenti moderni gestiscono il proprio blog, non dettano pi gli appunti a una segretaria; al massimo usano il riconoscimento vocale. (Ma esistono davvero dirigenti... moderni?)
Impiegato di banca allo sportello. Con i conti online una figura sempre meno utile. (Per in banca tutti lo cercano)
Giornalista. Con Google News, Facebook, Twitter e i blog, c' ancora bisogno di loro? (Almeno dei migliori, evidentemente s)
Postino. Con la posta elettronica, la posta tradizionale va diminuendo sempre pi. (Ma ci vuole sempre qualcuno che la consegni)

Mostra i risultati (2566 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 settembre


web metrics