Il notebook da 100 dollari è quasi pronto

Il MIT Media Lab svela la macchina anti digital divide. Sarà rivoluzionaria sotto molti aspetti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-10-2005]

Come potrà essere il portatile etico

Secondo i detrattori, sembrava un progetto destinato ad arenarsi in breve tempo. Ma Nicholas Negroponte, il fondatore del Media Lab del MIT, è un osso duro, e c'è da scommettere che porterà a compimento la sua impresa.

Il computer portatile che contribuirà a colmare il digital divide, grazie a economicità, robustezza e software opensource, si farà e costerà meno di cento dollari (circa ottantadue euro al tasso di oggi).

Il progetto, sostenuto da AMD, Brightstar, News Corporation e Red Hat, darà vita a un notebook completamente diverso, nella forma e nei contenuti tecnici, dalle macchine smart che, qui nei paesi ricchi, siamo abituati a desiderare.

Sarà disponibile in più modelli, completamente rivestito da gomma a prova di urto e includerà una manovella per dargli energia in quegli angoli del globo dove la corrente elettrica è ancora un'utopia. Ogni minuto di manovella darà dieci minuti di funzionamento.

Per la realizzazione di questo scopo, sono saltate tutte le regole del marketing tradizionale. Via gli intermediari e i pubblicitari, il rapporto sarà tra il produttore e l'ente acquirente (un governo o una ONLUS), e per numeri considerevoli. Inoltre, qualsiasi evoluzione tecnologica futura, condurrà alla riduzione dei costi, e non all'aumento di gadget a parità di prezzo.

Il primo prototipo dovrebbe essere pronto entro novembre, si spera di metterlo in produzione il prossimo anno. Sono necessari volumi di produzione importanti, se si vuole mantenere il livello di costo unitario desiderato. Il Media Lab prevede quindici milioni di pezzi il primo anno, destinati ai bambini di Brasile, Egitto, Tailandia e Sud Africa.

Nella presentazione ufficiale di venerdì scorso, Negroponte ha insistito sulla sua robustezza: "dovrà essere assolutamente indistruttibile". L'obiettivo è uno strumento che i bambini possano usare quasi ovunque, facilmente trasportabile da casa a scuola. Per esempio, il cavo di alimentazione fungerà da bretella per il trasporto.

Questi PC non serviranno a informatizzare il terzo mondo, ma aiuteranno ad alfabetizzarlo. L'idea nasce dall'esperienza di Negroponte in Cambogia, dove la sua fondazione aveva donato a una comunità rurale alcuni PC portatili da utilizzare a scuola e a casa.

Non saranno usati, dunque, per insegnare ai bambini le tecniche di programmazione, videoscrittura e hacking, almeno non subito. Serviranno invece per imparare a leggere e scrivere, visto che la loro leggerezza e connettività farà risparmiare chili di carta stampata, matite e quaderni (anche se ovviasmente non potrà sostituirli del tutto).

La CPU, fornita da AMD, sarà da 500 megahertz, e la memoria di massa sarà affidata a un flash-drive da 1 gigabyte. Sarà possibile switchare lo schermo da full-color (1 megapixel) a monocromatico, per utilizzarlo anche all'aperto in pieno giorno. Il software sarà ovviamente Linux.

Le macchine saranno in grado di connettersi tra loro, via cavo o senza fili. In uno scenario in cui molti di questi PC sono presenti in uno stesso villaggio, si potranno creare interessanti modelli di comunicazione basati su standard peer to peer, e, dove possibile, raggiungere economicamente la dorsale internet più vicina.

Molte iniziative di cooperazione analoghe sono state frustrate dallo sciacallaggio, e le macchine donate sono state rivendute di sottobanco nei paesi ricchi. "Con questi notebook non accadrà," sostiene Negroponte, "il loro design è così originale che sarebbe come tentare di rivendere mobili rubati da una chiesa."

Come detto in precedenza, il progetto ha alcune cartatteristiche che lo rendono rivoluzionario. Potrebbe assicurare connettività e informatizzazione anche a milioni di poveri nei paesi industrializzati, e potrebbe costituire un argine al cartello di produttori di hardware sempre più compatto e invadente, come mostra la crescita di Palladium e della DRM.

Proprio per questo motivo, si attende, nel prossimo periodo, la reazione di zio Bill e soci.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 26)

paese povero-sottosviluppato ecc.... ma chi dice che l' italia non lo ? vi sono quartieri anche nella ricca milano che hanno poco da invidiare certi ghetti "poveri" personalmente quando esce sar uno di quelli che lo comperano se sar possibile nella "ricca" Torino altrimenti lo comprer nella "povera"... Leggi tutto
16-1-2006 00:37

Se c' una cosa che proprio mi venuta male nella mia vita questo il business, per cui non pensavo affatto di fare l'affare della mia vita, anche se in questo progetto c' una indubbia componente economica e in economia la parola "gratis" non esiste (come diceva il Presidente Einaudi: "se qualcuno ti dice che una cosa gratis ti... Leggi tutto
24-11-2005 10:13

Ok Zorro. Gi la maschera (in senso metaforico) :lol: Devo confessarti che l'avevo buttata l pi per passione che per freddo ragionamento razionale, ma penso proprio che sarebbe davvero una gran bella rivincita sul MIT (oltre ai galloni che metteremo sulle nostre spalle) se riuscissimo a fare una cosa del genere. Tuttavia, prima di... Leggi tutto
23-11-2005 18:59

Caro massix, come vedi io avevo lanciato la proposta pi di un mese fa ma nessuno prima di te si fatto vivo, forse la cosa interessa poco . . . Leggi tutto
23-11-2005 18:01

Beh, io ci sto. Che ne dite di perseguire questo obbiettivo? Aderite, gente Aderite! Leggi tutto
23-11-2005 10:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilit di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
una novit giusta e moderna.
un obbligo (costoso) in pi, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sar lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2648 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 16 agosto


web metrics