Il consorzio di Telecom e Magneti Marelli

Le due aziende hanno formato un consorzio per collegare le auto alle reti cellulari e vendere servizi di infomobilità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-12-2007]

macchina

E' stato annunciato alcune settimane fa Tema Mobility, l'accordo di partecipazione al 50% di Telecom e Magneti Marelli. Le due aziende si prefiggono di vendere soluzioni innovative sulle reti Umts a tutti i provider in grado di offrire soluzioni e servizi nell'ambito della mobilità; per ora su strada, ma nulla vieta per il futuro di impiegare la tecnologia anche per i trasporti ferroviari.

Infatti la soluzione starebbe in uno scatolotto telematico da installare a bordo dei veicoli, in grado di collegarsi al gestore dei servizi mediante una semplice Sim per dare accesso a informazioni di ogni tipo; sarà infatti possibile pagare pedaggi, la localizzazione satellitare del veicolo, la telediagnosi in caso di guasti e la chiamata automatica in caso di panne irrimediabile.

Sarebbe una pacchia per i riparatori, che potrebbero avere in tempo reale il report del guasto, ma anche per le assicurazioni, in grado di pesare al massimo il grado di pericolosità del cliente e presentargli una polizza sempre più personalizzata.

Arcicontente saranno anche le major musicali, che potranno accaparrarsi la fornitura di musica e filmati, magari con la scusa di fornire al guidatore tutta una serie di consigli derivati dall'analisi dei suoi spostamenti lavorativi e non, del suo stile di vita e magari da altri dettagli assunti in via riservata dallo sterminato data base che stanno creando gli ex motori di ricerca oggi divenuti fornitori di contenuti.

Eugenio Razelli, attuale amministratore delegato di Magneti Marelli, presiederà il consorzio, mentre consiglieri saranno i responsabili tecnici e commerciali di Telecom Italia; la direzione del consorzio è affidata a Giovanni Roso, che dandone l'annuncio aveva dichiarato: "Internet ci ha abituati a vivere, a lavorare, a muoverci avendo a disposizione sempre più informazioni. Integrare l'automobile in rete è quindi la nostra sfida, per rendere fruibili informazioni, servizi, nuove modalità di interazione con l'ambiente e le persone che ci circondano proprio durante il viaggio; il tutto in modo agevole e usando comandi e oggetti tipici dell'automobile."

Indubbiamente il mercato che si apre è appetibile; anche restando in campo solo prettamente automobilistico, in merito all'offerta di Intelligent Transport Services (ITS) il Ministero dei Trasporti prevede una ricaduta iniziale di 400 milioni di euro che si attesterebbe sui 900 milioni nel prossimo quadriennio.

Sotto il profilo economico generale, l'iniziativa è degna di plauso perché potrebbe portare immediati benefici in molti settori legati all'uso delle quattro ruote, compresa la razionalizzazione dei consumi e delle necessarie messe a punto dei dispositivi anti inquinamento.

Resterebbe da scoprire come l'accordo sarà valutato delle varie authority, ma alla luce di quanto sin qui avvenuto e continua ad avvenire, non sembra si possano nutrire eccessive speranze in ordine alla concorrenza e quindi ai prezzi dei nuovi servizi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Bello e tutto ma.... Leggi tutto
18-12-2007 10:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la pi grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si l da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (990 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics