Paulo Coelho, lo scrittore che pirata sé stesso

Dopo aver messo a disposizione in rete copie le digitali delle proprie opere, ha visto aumentare di molto le vendite dei propri libri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-01-2008]

Paulo Coelho

Per tutti coloro che sostengono la pericolosità del file sharing per la "produzione artistica", per tutti coloro che ritengono che lo scambio di opere via Internet rappresenti la morte della cultura, ecco il primo autore che pirata sé stesso.

Paulo Coelho, lo scrittore brasiliano famoso per opere come "L'alchimista", ha trovato un modo di farsi conoscere e addirittura di aumentare le vendite dei propri libri che non piace per niente ai suoi editori.

Permettere ai lettori di scambiarsi copie digitali delle opere fa bene alle vendite: è questa la conclusione di Coelho il quale, semplicemente rendendo disponibile in rete la traduzione in russo de "L'alchimista", ha visto il numero di copie vendute passare da 100.000 a più di un milione all'anno.

Constatato il successo dell'operazione, Coelho è andato oltre. Ha aperto un blog, Pirate Coelho, in cui riporta i link alle copie digitali dei propri libri.

Parlando durante una conferenza a Monaco, l'autore brasiliano ha riconosciuto il cambiamento che Internet ha portato al linguaggio e ai libri e affermato che questa sorta di "pirateria" cui ha dato il via gli ha permesso di vendere più libri: "Che ci crediate o no, le vendite del libro sono cresciute molto grazie al sito Pirate Coelho".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
IBM brevetta la stampante che si rifiuta di stampare

Commenti all'articolo (5)

A mia mamma hanno regalato "l'Alchimista".. era un po' titubante perchè anche lei temeva nel mattone, ma poi si è ricreduta e ora lo considera uno dei più bei libri che abbia mai letto. Poi ha comprato "La strega di Portobello" sempre di Coelho ma non le è piaciuto. Leggi tutto
28-1-2008 14:10

Io , ad esempio. Leggi tutto
28-1-2008 09:27

{ice}
x la narrativa la promozione su internet funziona Leggi tutto
27-1-2008 23:45

si è AUTO PIRATATO
27-1-2008 10:36

{Andrea}
Forse saro' io, ma non mi sembra proprio ufficialissimo quel sito...
27-1-2008 02:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1604 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 gennaio


web metrics