La guerra europea al peer-to-peer

Prima una diffida e poi la sospensione della linea, in Francia, mentre la baia dei Pirati continua a offrire approdi sicuri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-02-2008]

Scaricare Torrent da Pirate's Bay e poi mangiarsel

Secondo Les Ecos non ci sarebbe ancora un accordo definitivo sulle sanzioni cui andranno soggetti in Francia gli utenti individuati mentre scaricano dal web contenuti protetti; e la questione ha una certa rilevanza per l'effetto trascinamento che poi potrebbe avere in tutta l'area dell'euro.

Una prima bozza della famosa "risposta graduale" è stata presentata nei giorni scorsi ai firmatari del criticatissimo accordo Olivennes da parte del ministro per la cultura e in essa viene definito il ruolo di quell'"High Autority" che dovrebbe sovraintendere alla difesa degli interessi di autori ed editori sull'internet, che tuttavia non potrà agire che "su iniziativa degli aventi diritto".

Resta invece abbastanza definito l'iter sanzionatorio, che ovviamente scontenta la major le quali vorrebbero una previsione di pene severe e immediate quanto meno a scopo deterrente; invece in caso di scaricamenti illegali si dovrà partire da una prima diffida seguite da una seconda e, in caso di recidiva nei sei mesi seguenti, il servizio verrebbe sospeso per la durata un mese.

In caso di nuove infrazioni, l'abbonamento verrebbe rescisso di diritto dal provider, con il divieto di stipulare nuovi contratti nell'anno successivo al distacco. Ovviamente è prevista la possibilità di ricorrere, dapprima in via amministrativa davanti alla suddetta Autority e poi davanti al giudice togato, anche se non si è ancora deciso se si tratterà di un giudice speciale amministrativo oppure del tribunale ordinario.

Gli aspetti inconsueti (e a dire il vero poco edificanti per chi si atteggia a difensore della giustizia e del buon diritto in genere) sono diversi e in primo luogo l'abilitazione concessa ai privati a intromettersi a caccia di illegalità nella privacy delle comunicazioni personali.

L'altro aspetto criticabile e tutt'altro che secondario è che in caso di ricorso, secondo quanto anticipato da Les Ecos, verrebbe invertito l'onere della prova e cioè toccherebbe all'accusato addurre le prove di non aver infranto alcuna norma; prova ovviamente diabolica e fuori portata per la stragrande maggioranza degli utenti.

Mentre ci si domanda come riuscirebbe a cavarsi d'impaccio chi si trovasse ed essere accusato ingiustamente di download illegali, una possibile risposta sembra giungere dalla Svezia, dove il magistrato Hakan Roswall ha aperto un procedimento contro gli amministratori del sito The Pirate Bay quali complici di violazione dei diritti su opere protette.

L'iniziativa appare abbastanza ridicola quanto meno sotto il profilo numerico, perché sembra ci siano volute oltre 4600 pagine per partorire il capo d'accusa che poi fa riferimento in tutto a 4 programmi, 9 filmati e 22 brani musicali per un danno valutato a 188.000 dollari da sborsarsi da ognuno dei quattro responsabili del sito.

The Pirate Bay ha un bacino di oltre due milioni e mezzo di utenti registrati e si stima che incassi in pubblicità più di 4 milioni di dollari l'anno; quanto alle dimensioni, basti pensare che ha da poco superato il milione di link messi online.

Peter Sunde, uno dei co-fondatori, se la ride sotto i baffi affermando che il sito non subirà alcun cambiamento. "Il tentativo di criminalizzare un'attività di per sé legale non portarà l'accusa da nessuna parte" ha commentato. "Anche se perdessimo la vertenza, i server non sono più dislocati in Svezia e per via della tecnologia impiegata neppure i responsabili del sito sono in grado di stabilire esattamente dove si trovino in un dato momento".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Sì, ma i provider sono a loro volta concessionari di servizi e nn credo si esporrebbero a sanzioni civili per danni o penali per concorso in reati. Ma la vera barzelletta è che da noi, e ancora di più in Francia, si continua a pagare la tassa sul futuro macinato, cioè quella sui supporti di registrazione. Leggi tutto
20-2-2008 09:35

peer2peer Leggi tutto
20-2-2008 07:58

Ma non si era detto da poco (in un altro thread) che lo scaricare di materiale coperto da copyright non costituisse un reato abbastanza grave da triturarci i maroni? :? Non ho ancora capito bene come stanno esattamente le cose. Strano che in Francia abbiano adottato il metodo dello staccamento della linea di connessione; le società... Leggi tutto
19-2-2008 13:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto usi il tablet?
Molto. Ce l'ho sempre con me.
Almeno una volta al giorno.
Non tutti i giorni.
Raramente.
Non lo uso quasi mai.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (2067 voti)
Gennaio 2020
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Tutti gli Arretrati


web metrics