Scompare MSN Music (e tutti i brani degli utenti)

Magie del DRM: gli utenti del servizio, che chiuderà ad agosto, perderanno tutti i brani regolarmente comprati all'acquisto di un nuovo Pc.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-04-2008]

Scompare Msn Music con tutti i brani acquistati

Nessuno dica che non se lo aspettava. Le case discografiche non hanno fatto altro che rassicurare gli acquirenti di brani protetti da Drm, dicendo loro che avrebbero potuto usufruirne per sempre, e qualcuno ci ha anche creduto.

Ci hanno creduto in particolare i clienti di Msn Music Store, che hanno acquistato brani dal negozio online di Microsoft e che, cambiando computer o sistema operativo, dovevano semplicemente farsi rilasciare una nuova licenza per poter continuare ad ascoltarli. Una seccatura, certo, ma almeno dopo la procedura la musica era di nuovo fruibile.

Il 31 agosto 2008, però, Msn Music Store chiuderà i battenti, soppiantato dallo Zune Marketplace, e non sarà più possibile ottenere il rinnovo delle licenze. Chi vorrà cambiare Pc, sostituire il disco rigido, aggiornare Windows dopo quella data perderà tutta la musica acquistata precedentemente.

L'annuncio è stato dato da Rob Bennett, general manager dei servizi Entertainment e Video di Msn, con una mail agli utenti.

"Con il 31 agosto 2008 non saremo più in grado di supportare il rinnovo delle chiavi di licenza per le canzoni che avete acquistato da Msn Music o le autorizzazioni per i computer addizionali. Dovete ottenere una chiave di licenza per ogni canzone scaricata da Msn Music su ogni nuovo computer, e dovete farlo prima del 31 agosto 2008. Se tenterete di trasferire le vostre canzoni su computer addizionali dopo il 31 agosto 2008, quelle canzoni non saranno riproducibili".

Stiamo chiudendo, tanti saluti e per le canzoni che avete regolarmente acquistato, scusateci tanto ma saranno cavoli vostri.

Perché è vero che le licenze tecnicamente non scadono, come fa notare Microsoft: ma nel momento in cui i cinque dispositivi autorizzabili cesseranno di funzionare o andranno sostituiti o aggiornati (anche un upgrade da Windows Xp a Vista, per esempio, richiede un rinnovo delle licenze), i brani andranno persi per sempre, visto che non ci sarà nessuno a permettere il rinnovo delle chiavi di licenza.

Agli utenti che hanno creduto nelle promesse di Msn non restano molte alternative: o sperare che i dispositivi che ospitano i loro brani vivano per sempre, o creare dei Cd Audio da poi rippare per ottenere degli mp3 non protetti da Drm. Perdendoci in qualità, e probabilmente infrangendo una qualche legge a difesa del diritto d'autore, almeno quando non avranno più a disposizione il brano protetto originale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

{lupopz}
di default Leggi tutto
27-4-2008 17:40

quanta gente frustrata che gira ... :lol: come i bambini che si compiacciono del fallimento dei loro compagni, quando anche loro non riescono nella stessa cosa
26-4-2008 13:28

{Giovanni}
Olè! Leggi tutto
25-4-2008 15:41

direi proprio di no. Si pu dire che la musica cara, si pu dire che in Italia abbiamo la Siae che rompe, si pu dire che comportamenti come quello di MSN Music Store sono assolutamente ingiusti. Ma non si pu dire (come senso logico) che si pretende il diritto di scaricare liberamente da internet la musica, i film o quanto desiderato. Leggi tutto
25-4-2008 10:16

{MaXXX}
Concordo con ioSOLOio.Inoltre potevano chiudere il servizio lasciando cmq la possibilità a chi ha comprtato qualcosa di scaricare le licenze... non andavano falliti... oppure dare la possibilità di backuppare le licenze cosa che non tutti i servizi on-line ti fanno fare.Non concordo con chi dice che gli utenti se lo meritano,... Leggi tutto
24-4-2008 21:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Wikileaks (con il suo fondatore Julian Assange)...
un sito pirata, pericolo per l'occidente.
un paladino della libera informazione e della trasparenza.

Mostra i risultati (3223 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics