Microsoft non ha violato il brevetto di Alcatel-Lucent sugli Mp3

La società di Redmond era già stata condannata ma ora ha vinto il ricorso in appello: Alcatel-Lucent non potrà citare più nessuno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-09-2008]

Microsoft Alcatel-Lucent brevetto Mp3 innocente

Ribaltando la sentenza emessa nel febbraio del 2007, il Tribunale d'appello ha riconosciuto l'innocenza di Microsoft nella questione che la vedeva opposta ad Alcatel-Lucent.

Il motivo del contendere era un brevetto, quello sulla tecnologia di compressione dei file musicali Mp3. Secondo Alcatel-Lucent, Microsoft avrebbe dovuto risarcirla per aver integrato il supporto a Mp3 nei propri sistemi senza corrispondere il dovuto.

Il colosso di Redmond, in realtà, aveva sborsato ben 16 milioni di dollari per acquisire i diritti d'uso, ma li aveva dati solo al Fraunhofer Institute; l'altra società detentrice del brevetto sul formato Mp3, Bell Laboratories, non aveva ricevuto un centesimo.

Quando Bell Laboratories è stata acquisita da Alcatel insieme all'azienda che la controllava, Lucent, i nuovi padroni sono passati a Redmond per battere cassa.

La soluzione del caso a favore di Microsoft è positiva non solo per l'azienda in sé, ma anche perché preclude la possibilità che Alcatel-Lucent decida di attaccare allo stesso modo altre compagnie che hanno chiesto i diritti al solo Fraunhofer Institute.

Apple e Linspire, che erano considerate le prossime in lista, tireranno un sospiro di sollievo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia più complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2677 voti)
Ottobre 2019
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Tutti gli Arretrati


web metrics