Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Editoriale

Hot! consob
La Consob risulta finora impotente a far applicare la legge sull'obbligo di consolidamento in bilancio. (2 commenti)
di Pier Luigi Tolardo
orange tim Hot!
Curioso il silenzio di Matteo Renzi sulla vicenda Tim. L'ex premier aveva già dato il proprio assenso alla Francia? (3 commenti)
di Pier Luigi Tolardo
Hot! tim banda larga
Adesso che Tim vorrebbe investire anche nelle zone meno redditizie, il governo si oppone. (10 commenti)
di Pier Luigi Tolardo
Hot! average
Tra gli scampati pericoli europei e la confusione delle istituzioni USA. (10 commenti)
Hot! parlamento
Dalla lotta ai portoghesi del bus al telemarketing selvaggio. (6 commenti)
Hot! macron lepen
(1 commento)
rupie Hot!
L'India si è ripresa dallo shock della demonetizzazione, la strategia messa in atto a novembre dell'anno scorso per scoraggiare l'uso di contanti e combattere la corruzione. (1 commento)
voto elettronico roma Hot!
I 5 Stelle a Roma vogliono petizioni online e voto elettronico ma tutti si scandalizzano. Eppure è il minimo. (8 commenti)
di Pier Luigi Tolardo
telecom mediaset Hot!
Alcune domande sul tema della scalata di Vivendi a Tim e Mediaset (3 commenti)
di Pier Luigi Tolardo
Hot! Internet censura pitruzzella minculpop
Il presidente dell'Antitrust fa parlare di sé con un'imbarazzante proposta di controllo della Rete e delle opinioni che vi circolano. (3 commenti)
di Pier Luigi Tolardo
amri Hot!
(2 commenti)
di Marco Calamari
Hot! almaviva
Con i 1.666 licenziamenti della sede di Roma di Almaviva si chiude un'epoca. Sopravviveranno i call center? (12 commenti)
di Pier Luigi Tolardo

Pagine: 1 2 3 4 Successiva »

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1137 voti)
Leggi i commenti (5)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati

web metrics