La Carta d'Identità Elettronica slitta e ha problemi

Il debutto ufficiale della CIE è rinviato al 2011. Chi già ne è in possesso stia attento: la validità non è sempre riconosciuta all'estero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2009]

Carta d'identità elettronica slitta 2011

La Carta d'Identità Elettronica slitta di un anno: nonostante sia stata introdotta il primo gennaio 2006 con il termine della sperimentazione (ma la prima idea ha ormai otto anni), dalla bozza del decreto Milleproproghe 2009 (in discussione domani al Consiglio dei Ministri) si evince che il debutto sarà rimandato al 2011.

La vicenda della CIE ha ormai una discreta lunghezza e ha raccolto, negli anni, le perplessità di molti tra le quali le più significative sono quelle avanzate da Francesco Pizzetti, Garante per la privacy, il quale ravvisa una sostanziale impreparazione degli uffici giudiziari per quanto concerne la tutela dei dati personali.

La nuova Carta d'Identità conterrà impronte digitali e dati biometrici in formato elettronico: il Garante ha già espresso preoccupazione per la raccolta di tali informazioni, con il timore che possano essere usate "secondo criteri discriminatori" ledendo "la dignità delle persone".

C'è poi un altro problema, classificabile quantomeno come "imbarazzante", che riguarda coloro che sono già in possesso della CIE (dopotutto la sperimentazione ha ormai quasi quattro anni): da quando la validità della Carta d'Identità è stata prorogata a dieci anni sono infatti venuti a crearsi due scenari.

Il primo, più rassicurante, coinvolge coloro che ancora possiedono il vecchio documento cartaceo: alla scadenza non devono fare altro che recarsi in Comune, dove un semplice timbro assicurerà la validità del documento per altri cinque anni anche se ci si reca all'estero.

Il secondo riguarda invece i fortunati che possiedono il documento elettronico che, quando venne rilasciato originariamente, valeva cinque anni: la proroga consiste in un altro documento, cartaceo, che andrà esibito insieme alla CIE qualora richiesto.

Il guaio è che il documento cartaceo di proroga non sempre viene riconosciuto all'estero: l'unico consiglio che il Ministero dell'Interno sa dare a chi, fermato in uno stato straniero - poniamo, dalla polizia - e guardato con sospetto da un ufficiale che non riconosce la proroga della CIE, è di rivolgersi ai diplomatici italiani presenti in loco i quali, non avendo evidentemente di meglio da fare, dovranno cavarlo dall'impiccio.

Questa situazione è tutt'altro che ipotetica; inizialmente è stata prospettata in una circolare emessa dalla Direzione centrale per i servizi demografici del Ministero dell'Interno e rivolta ai Prefetti, i quali dovranno informare i Sindaci che, a loro volta, avranno il compito di mettere in guardia i cittadini che a suo tempo sborsarono 25 euro per avere la "Carta d'Identità del Futuro".

Qualcuno, in ogni caso, già segnala in Rete di non essere riuscito a imbarcarsi su un aereo proprio perché il suo documento d'identità prorogato non veniva riconosciuto; c'è chi dice che sia bene, in questo periodo d'incertezza, avere il passaporto anche se ci si muove all'interno dell'Unione Europea, sempre che si riesca a ottenerlo per tempo e sborsando più di 40 euro, naturalmente).

Considerata la vicinanza delle partenze per le vacanze, numerosi italiani avranno poco di cui gioire.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Quasi, quasi penso che si siano messi d'accordo con i venditori di portafogli per farci comperare porta-tessere con soffietto come quelli Americani per le carte di credito. :lol: :lol: :lol: Ma lo sapete che il Codice Sanitario era stato ABOLITO (ma poi rimandato e rimandato e rimandato e infine dimenticato) in favore del Codice... Leggi tutto
19-12-2009 04:20

beh, ma sai, San Marino é..... all'estero! :lol:
19-12-2009 03:46

Già e grazie per avermi ricordato un particolare della Carta Identità di San Marino (CIE) : La CIE è unica ma possiede più codici segreti (conosciuti dall'utente) perchè accedono ad un server diviso virtualmente in più competenze, ovvero nessuno di un settore può sapere quello che può sapere di un altro settore di un possessore della... Leggi tutto
19-12-2009 02:22

Solito casino all'itaGliana, messo su con lo scopo di far guadagnare "qualche amico" e che poi ci complica la vita! Personalmente SONO FELICE che non ci siano ancora! :-) Quando ci saranno, IL GRANDE FRATELLO, quello di orwell, non quello della marcuzzi, sarà purtroppo sempre più vicino! :evil:
17-12-2009 18:22

A san Marino sono un passo + in alto di noi! Non per niente si sono ritirati sull'eremo colle e non hanno mai + voluto a che fare con Noi ! Regione autonoma Friuli-VeneziaGiulia: 1) Tessera sanitaria di Cartoncino 2) Tessera Saniatria di plastica 3) Tessera saniatria di plastica con cip Al bisogno si deve presentare la 1) e la 3). ... Leggi tutto
17-12-2009 15:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2071 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics