Al via la class action per il rimborso di Windows

Gli utenti si preparano a procedere contro Microsoft per il riconoscimento del diritto al rimborso delle copie di Windows vendute insieme ai nuovi Pc e mai utilizzate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-01-2010]

Class action Aduc Microsoft rimborso Windows

Ora che le class action sono finalmente possibili anche in Italia, l'associazione di consumatori Aduc è intenzionata a muoversi quanto prima e procedere contro Microsoft per l'antica questione dei rimborsi per le copie di Windows preinstallate sui computer nuovi ma mai utilizzate - né desiderate - dagli acquirenti.

Ottenere il rimborso in teoria è possibile, anche se tale possibilità non è sempre presente; in pratica, anche quando la clausola relativa esiste, la procedura si traduce in una lunga odissea e non sempre gli utenti hanno la pazienza, la tenacia o la capacità di arrivare in fondo senza farsi fermare dai vicoli ciechi in cui spesso incappa chi tenta di percorrere la lunga via; in molti casi, poi, i rimborsi vengono semplicemente rifiutati.

La class action proposta da Aduc è rivolta esclusivamente ad acquirenti privati (ovvero che non abbiano fatto l'acquisto tramite partita Iva) di computer con sistemi operativi preinstallati e che non abbiano accettato la licenza d'uso del software né l'abbiano mai utilizzato, condizione necessaria per poter ottenere il rimborso.

Chi vuole associarsi all'azione collettiva deve registrarsi sul sito dell'associazione e compilare il modulo messo a disposizione.

A dare speranze di successo alla class action è la "causa pilota" intentata e vinta a Firenze qualche anno fa: il Giudice di Pace ha riconosciuto il diritto al rimborso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Spero che tu sia ironico altrimenti o sei un troll o hai problemi seri e dovresti farti visitare da qualche specialista. Leggi tutto
10-1-2010 20:08

controcorrènte Leggi tutto
10-1-2010 10:35

Per dovere di cronaca... poca! Le statistiche del mio modestissimo sito dicono che a distanza di otto anni dal lancio l'82,83% dei visitatori che utilizzano sisteemi M$ usa ancora XP, Vista annaspa con un 4,35% riesce a fare addirittura meglio di Vista 7 che è allo 0,65% e considerato che è appena stato lanciato non è male. Ergo Vista... Leggi tutto
8-1-2010 23:33

è chiaro ed evidente che se io fossi una hardware house farei il tifo per microsoft: quanta gente ha dovuto cambiare il PC per usare vista? Anzi, forse questo è stato uno dei fattori che lo hanno bloccato: aziende e privati restii a mettere vista per la necessità di rinnovare gli HW. invece con linux lavori ancora con PC anche un pò... Leggi tutto
8-1-2010 22:21

Oltretutto ho scoperto che alcuni dei negozi presenti su linuxsi sponsorizzano anche lo sviluppo di Linux (ad esempio la distro italiana openmamba è sponsorizzata praticamente al 100% da uno di questi negozi - che non cito per evitare publicità spammatoria). E a oggi si cominciano a trovare parecchi portatili senza SO sia di HP che di... Leggi tutto
7-1-2010 18:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1082 voti)
Settembre 2020
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tutti gli Arretrati


web metrics