Intel guarda oltre i processori

Il Ceo Paul Otellini illustra la strategia: non più solo CPU per computer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-09-2010]

Paul Otellini CEO Intel Sandy Bridge

A San Francisco è iniziato l'Intel Developer Forum 2010, aperto dal Ceo Paul Otellini e dalla presentazione della nuova architettura per i processori, denominata Sandy Bridge.

Intel utilizzerà quindi il processo costruttivo a 32 nanometri, già adottato per le CPU attuali, per produrre processori basati su un'architettura nuova, realizzando così una nuova fase di tock all'interno della strategia tick-tock dell'azienda, come annunciato lo scorso aprile.

Sandy Bridge, che succede alle architettura Nehalem e Westmere, sarà la base sia per le CPU destinate ai notebook che per quelle destinate ai PC desktop, e costituirà sostanzialmente la seconda generazione dei processori Core; è probabile che, alla fine, il marchio commerciale Core sarà mantenuto.

Dal punto di vista tecnico, Sandy Bridge integra nel processore il controller della memoria e la GPU e adotta un'architettura che Intel definisce "ad anello": in questo modo CPU e GPU possono condividere le risorse come la cache per aumentare le prestazioni offrendo comunque una buona efficienza energeteica.

I nuovi processori adotteranno la tecnologia Intel AVX (Advanced Vector Extensions) e un nuovo set di istruzioni a 256 bit che migliorerà l'esecuzione delle applicazioni che richiedono calcoli in virgola mobile (come l'editing di video e foto).

Sarà poi presente la tecnologia Turbo Boost che gestisce dinamicamente l'assegnazione delle risorse ai core del processore, ottimizzando prestazioni e consumi, aumentando la potenza di calcolo quando necessario.

Le prime CPU Sandy Bridge, in versione dual core e quad core, necessiteranno di schede madri con socket LGA 1155 e arriveranno all'inizio del 2011; i prezzi non sono stati ancora rivelati.

Gli interessi di Intel vanno però ben oltre le CPU per i PC: il CEO Paul Otellini, aprendo l'IDF, ha spiegato come l'azienda si prepari a "trasferire in altri mercati la sua lunga esperienza nell'informatica".

L'annuncio non sorprende più di tanto, se si considerano le recenti acquisizioni di McAfee e della divisione wireless di Infineon come un segno del desiderio di Intel di allargare i propri orizzonti.

Otellini ha parlato di "computing pervasivo", intendendo con questa espressioni la creazione di tutta una serie di dispositivi "intelligenti" di cui l'attuale e variegato panorama mobile è solo il primo esempio.

Intel cercherà dunque di infilare la propria presenza in ognuno di questi dispositivi del prossimo futuro: "l'informatica" - ha dichiarato Otellini - "è diventata una parte indispensabile della nostra vita quotidiana" e non è più limitata al Personal Computer da appoggiare sulla scrivania.

Prepariamoci dunque a trovare chip marchiati Intel all'interno di dispositivi in cui la presenza dell'azienda di Santa Clara oggi è minima: dai telefonini alle strumentazioni delle automobili, dovunque ci sia possibilità di computing ci sarà anche il logo bianco e azzurro.

Intel è conscia di dover cambiare per seguire i cambiamenti del mercato e la nascita di nuovi settori; ben presto non sarà più soltanto un'azienda che produce CPU.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel cancella l'IDF 2017

Commenti all'articolo (4)

{gufonoioso}
Approssimare la derivata prima con una semplice differenza finita fa perdere meta' delle cifre significative. Con 32 bit ho 8 cifre significative, con 64 bit ne ho 16, con 128 ne ho 32 e con 256 ne avrei una enormita' ossia 64. Ma la derivata prima approssimata con una differenza finita viene precisa con solo 4 cifre... Leggi tutto
15-9-2010 19:37

A meno che non si tratti -anzi probabile- d'istruzioni interne gruppo processore + controller della memoria + GPU.
14-9-2010 22:54

andiamo bene, ancora non ha sfondato il 64bit...
14-9-2010 22:23

istruzioni a 256 bit :shock: =P~ Ma per usarlo che software si dovrà avere (considerando che ora c'è in giro tantissimo software, e sistemi operativi, a 32 bit)?
14-9-2010 21:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto impieghi per andare al lavoro? (one-way, ovvero: sola andata)
Da 1 a 15 minuti
Da 15 a 30 minuti
Da 30 a 45 minuti
Da 45 a 60 minuti
Più di 60 minuti

Mostra i risultati (2072 voti)
Luglio 2020
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Tutti gli Arretrati


web metrics