Microsoft attacca OpenOffice

Lo spot di Microsoft si ritorce contro l'azienda: è segno che il rivale è ormai temibile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-10-2010]

Microsoft OpenOffice open source Linux

Indubbiamente Windows 7 è un bel sistema operativo e la suite Office è quanto di meglio si possa desiderare nel suo ambito specifico; peccato che tutti e due i software siano estremamente cari.

Altrettanto incontrovertibile è il fatto che Linux, uno dei maggiori sistemi operativi licenziati gratuitamente e reperibili in Rete, e la suite di ufficio altrettanto gratuita Open Office hanno raggiunto oggi un punto di maturazione tale da potersi tranquillamente installare agevolmente su qualsiasi computer senza far rimpiangere in nulla o quasi le realizzazioni commerciali che Microsoft in particolare mantiene a caro prezzo sul mercato.

Open Office ormai viene scaricato quotidianamente da oltre 100 mila utenti; quanto a Linux, nelle sua varie personalizzazioni è in grado di gestire anche i server di maggiori dimensioni.

Un esempio per tutti potrebbe essere Red Hat che, oltre a gestire S&P500 (uno dei maggiori indici di borsa americani) è diventato anche fornitore di N.Y. Stock Exchange.

Successi come questi hanno infastidito non poco i responsabili commerciali di "Big M", che all'inizio dell'anno decisero di dotarsi di un'apposita task force per contrastare la concorrenza del software libero denominata CSI (Commercial Software Initiative).

La task force ha iniziato ad agire influenzando i media, i professionisti informatici, i responsabili governativi a vari livelli e via di seguito, non esclusi i tentativi giudiziari di intimidazione.

Dopo circa nove di mesi di lavoro, cioè nel rispetto dei tempi biblici che occorrono a Redmond per la produzione di un qualsiasi software, la montagna ha partorito il topo: e cioè un breve video di appena tre minuti, che riportiamo qui sotto, in cui la multinazionale americana riversa tutti i luoghi comuni sinora invano accumulati contro l'open source in generale e OpenOffice in particolare.

Il florilegio inizia (ovviamente) dal portafogli: "Si vuole economizzare con Linux e OpenOffice, ma i costi di supporto sono esagerati", "i costi di formazione e supporto sono nettamente superiori per OpenOffice", "in caso di malfunzionamenti chi farà le riparazioni?" e così via, per terminare con la svalutazione del software e di quanti lo usano: "le macro non sono supportate", "gli impiegati non riescono ad aprire i documenti", "a lavorare con OpenOffice si impiega fino a dieci volte più tempo".

Non c'è che dire: il reclutamento degli addetti alla lotta per questo particolare tipo di concorrenza in casa Microsoft ha dato i soliti frutti; sembra tuttavia alquanto azzardato il fatto che abbiano deciso di esporre il neonato al giudizio degli utenti, sia pure dopo una lunga e certo non facile gestazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft entra nella Linux Foundation

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Verissimo, i soldi dei fessi sono buoni come quelli degli intelligenti! :twisted: Ciao Leggi tutto
21-10-2010 20:03

Non ridere. Se queste sparate le fanno, sicuramente servono. :wink: Ricorda che la mamma dei fessi è sempre incinta. Pensa che c'era gente che credeva alla sparata del famoso milione di posti di lavoro. quindi... Leggi tutto
21-10-2010 17:37

Io rido delle affermazioni Microsoft. :lol: ciao Leggi tutto
20-10-2010 19:49

Altro che task force, leggete qua e ridete (o piangete): Leggi tutto
20-10-2010 00:12

Ancora Microsoft attacca OpenOffice! Leggi tutto
19-10-2010 19:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2160 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics