Maroni è pronto ad abolire il Decreto Pisanu

Il Ministro dell'Interno ha già preparato la proposta che liberalizzerà il Wi-Fi salvaguardando la sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-10-2010]

Maroni abolizione decreto Pisanu Wi-Fi libero

Anche se il Consiglio dei Ministri di settimana scorsa non è riuscito ad affrontare la questione circa l'abolizione dell'articolo 7 del decreto Pisanu, non tutto è perduto.

Ora è Roberto Maroni a riaccendere la speranza per chi crede che non si debba prorogare un'altra volta la norma che blocca lo sviluppo del Wi-Fi in Italia.

Il Ministro dell'Interno ha infatti in mente un piano - costituito da un disegno di legge e da un decreto - con il quale pensa di poter salvare capra e cavoli: da un lato mantenere la possibilità di identificare gli utenti delle reti senza fili, dall'altro garantire una libertà di creazione degli hotspot Wi-Fi che attualmente manca.

Maroni ritiene importante l'identificazione, che può semplificare il lavoro delle forze dell'ordine qualora una connessione Wi-Fi venga utilizzata per compiere atti contrari alla legge; d'altra parte ritiene anche che l'attuale norma sia troppo complicata.

"Alla luce dell'evoluzione tecnologica, mi propongo di raggiungere un equilibrio che permetta di contemperare le esigenze di sicurezza previste dal decreto Pisanu con quelle di accesso alla rete e al WiFi" ha spiegato Maroni.

Quale sia la soluzione escogitata dal ministro non è dato sapere: da più parti è stato suggerito un sistema basato sull'invio di SMS di autorizzazione e da altre uno che sfrutta un codice di riconoscimento.

La norma che sostituirà l'articolo 7 del decreto Pisanu dovrà essere approvata entro il 31 dicembre 2010, se non si vorrà ancora prorogare la legge attuale; Maroni avanzerà la proposta al più presto (con ogni probabilità la settimana prossima), non appena rientreranno in Italia il Presidente del Consiglio e il Presidente della Repubblica, impegnati all'estero quando si terrà il prossimo Consiglio dei Ministri.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Sarò anche prevenuto, io però non mi faccio illusioni, così poi l'amarezza sarà più facilmente digeribile... :roll:
2-11-2010 15:50

Se da una parte si intercettano i cittadini che si collegano in Internet, e dall’altra, si cerca di reprimere l’uso delle intercettazioni dei politici corrotti e dei mafiosi, allora ne viene fuori un quadro davvero preoccupante. Dobbiamo credere seriamente che ambedue questi provvedimenti siano a protezione dei cittadini onesti?
29-10-2010 14:04

Lo sanno, lo sanno, se no perchè tante scuse? :wink: Ciao Leggi tutto
29-10-2010 05:30

Shhh! sileeeenzio, per favore!!! possibile che tu debba sempre suggerire???? Ciao :wink: Leggi tutto
29-10-2010 02:28

Forse non capite che lasciando libero il WiFi e dando la "banda larga" poi la gente vede che la tv si può vedere via internet con 150 canali italiani (più canali tv domestici) e non usa più il digitale-terrestre... Facendo imbestialire il suo Capoccia che ci guadagna e non paga la banda televisiva sul digitale terrestre. Ciao Leggi tutto
29-10-2010 01:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I telefonini diventano sempre più potenti e sono dotati di fotocamere sempre migliori: a quella sul retro spesso se ne aggiunge una frontale, per meglio scattare i selfie. Per quanto riguarda l'utilizzo che ne fai tu personalmente, lo smartphone ha sostituito la fotocamera compatta tradizionale?
Sì. Non ho praticamente più bisogno di portarmi dietro la fotocamera perché quella dello smartphone è più che sufficiente per le mie esigenze nella maggior parte delle occasioni.
In parte. Sebbene la fotocamera sullo smartphone sia indubbiamente comoda, spesso ho la necessità di scattare foto di qualità migliore e con un dispositivo dedicato, quindi utilizzo molto anche la fotocamera.
No. Non posso fare a meno di portarmi dietro la fotocamera compatta, che per le mie esigenze non può affatto essere sostituita da uno smartphone.

Mostra i risultati (1629 voti)
Luglio 2019
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Tutti gli Arretrati


web metrics