Zuckerberg: Lasciate che i bambini vengano a Facebook

Il fondatore del social network contesta il limite dei 13 anni d'età. Levandolo si otterrebbero dei "benefici educativi".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-05-2011]

Fino a oggi, Facebook è formalmente vietato per coloro che hanno meno di 13 anni.

Nonostante i minori di quell'età con un profilo sul social network più famoso siano tutt'altro che rari, le regole prevedono che chi si registra affermi di avere più di 13 anni.

Il limite è stato imposto per ottemperare alle leggi statunitensi ma evidentemente a Mark Zuckerberg sta stretto, visto che il fondatore di Facebook si è esposto in prima persona per chiederne l'abolizione.

Parlando a un incontro sul tema dell'educazione, Zuckerberg ha parlato di «benefici educativi» che deriverebbero dal permettere ai bambini di accedere al social network.

«La mia filosofia» - ha dichiarato Zuckerberg - «è che per l'educazione si deve cominciare a un'età molto, molto precoce».

«A causa delle restrizioni legali non abbiamo ancora cominciato questo processo di apprendimento» - ha continuato il giovane miliardario - «A un certo punto dovremo combatterle».

La proposta di Zuckerberg sta già sollevando moltissime perplessità, a partire da quelle di chi è preoccupato per eventuali episodi di cyberbullismo a chi teme che una volta cresciuti i bambini si pentano per quanto hanno ingenuamente condiviso, sino a quelle di chi vede tutto ciò come un mezzo per servire su un piatto d'argento tante preziose informazioni ai pubblicitari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

ma cosa sarebbe 'sto cyberbullismo? abbassare ulteriormente l'eta a facebook è una follia, ma per altri motivi. [edit] ho letto il pdf, mitico :wink:
3-6-2011 11:39

Per me, più semplicemente, fa confusione fra educazione e diseducazione... :wink: Scherzi a parte, vi pare che potrebbe affermare il contrario? Più gonzi fessbuk attira più soldi entrano nelle sue tasche e più i gonzi sono indifesi meglio è per lui...
28-5-2011 15:21

Grandioso Druido, non c'avevo mai pensato a raccogliere informazioni del genere in un pdf... Grazie infinite per il tuo lavoro...
26-5-2011 18:40

{beppe}
cerrrto... e tu naturalmente ci credi! benefici educativi. non è invece perché ti manca una fetta di mercato che è molto più influenzabile e plasmabile vero? scommetto che quando lo ha detto ha fatto la stessa faccia che ha fatto quando Obama, durante il loro incontro, gli disse che loro avrebbero dovuto pagare... Leggi tutto
26-5-2011 17:34

Graziee! :-) Sono in licenza Common Creative quindi, se volete, potete diffonderle a vostro piacimento Leggi tutto
26-5-2011 15:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (402 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 giugno


web metrics