Internet e marcatori

Le tecnologie per l'ordine pubblico e la sicurezza (4).



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-11-2011]

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Le tecnologie per l'ordine pubblico e la sicurezza

Ovviamente, ci lasciamo alle spalle una enorme quantità di tracce anche quando ci muoviamo su Internet e sul web ma con una ulteriore aggravante: la Polizia può facilmente accedere al contenuto delle "conversazioni digitali" a cui partecipiamo su Internet (twitter, facebook, forum, post dei blog, etc.) mentre non sempre può accedere al contenuto delle nostre conversazioni telefoniche (voce).

A parte questo, molte aziende e molti enti pubblici hanno studiato a fondo il fenomeno dei "social network" negli ultimi anni ed ora sono disponibili strumenti software che permettono di sfruttare questa enorme mole di informazioni per vari scopi.

Ad esempio, è possibile prevedere (in linea di massima) quando e dove potrebbe esserci uno scontro con la Polizia analizzando il traffico dei messaggi nei social network (Twitter, Foursquare, etc.). Oppure, è possibile valutare la posizione, la consistenza e lo spostamento di un corteo basandosi sui messaggi inviati dai partecipanti. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilitÓ
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalitÓ politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5350 voti)
Leggi i commenti (25)
Tutto questo, 15 anni fa semplicemente non esisteva.

Negli ultimi 10 anni si è sviluppata molto la tecnologia che permette di usare vari tipi di "marcatori" per identificare e tracciare una persona od un oggetto. Alcuni di questi marcatori sono "naturali", come le macchie della pelle ed i tatuaggi (che vengono facilmente tracciati dai sistemi biometrici di cui abbiamo già parlato), altri sono "artificiali".

Uno dei marcatori artificiali più classici è la vernice indelebile rossa usata per marcare i soldi ed i rapinatori in caso di furto con scasso o di rapina ma al giorno d'oggi esistono marcatori molto più insidiosi. Un esempio sono i marcatori a micro-punti come DotDNA.

Questi marcatori sono composti da una miriade di minuscoli "dischi" di plastica, del diametro inferiore al millimetro, sui quali sono incisi dei codici di identificazione. Questi dischi sono dispersi in una colla e spruzzati sugli oggetti che si intende marcare (automobili, notebook, banconote, etc.), in modo da renderli tracciabili. La stessa tecnica può essere usata per "spruzzare" ladri, rapinatori e vandali.

Ancora più insidiosa è la tecnica di SelectaDNA che usa del DNA artificiale come marcatore. Questa tecnica è nota come spray-on DNA e viene già largamente utilizzata per marcare in modo invisibile i rapinatori di banche e negozi e per marcare oggetti di vario tipo, tra cui le banconote. Il DNA sintetico resta utilizzabile per giorni o per settimane sui capelli, sui vestiti e sulle banconote.

Si sta già pensando di usare questi sistemi anche per "marcare" i facinorosi durante le manifestazioni, sia spruzzandoli (in vari modi) con dei liquidi sia colpendoli con appositi "palloncini" di gomma non letali.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Telecamere "attive" e antifurti

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Da prima! Ricordati di quando Ges¨ Ŕ stato messo in confronto con Barabba.. Avevano chiamato quella della fazione opposta per farlo condannare mischiati nella folla. La storia degli "infiltrati" Ŕ di vecchia data. Ciao
23-11-2011 16:35

ehm... lo usavano gia' i Borboni :-) e probabilmente non sono stati i primi, ma i miei ricordi di scuola sono arrugginiti ;-) Mauro Leggi tutto
23-11-2011 10:52

Mi pare un articolo molto propagandistico: - Non esiste ancora una macchinetta con capacita di individuarti in pochi metri (decine o centinaia si) tramite cellulare. - La soft-biometria non riesce tuttora le differenze tra una persona e l'altra nel riconoscimento dei volti. Basta un leggero camuffamento che Ŕ fregato. - Addirittura... Leggi tutto
9-11-2011 13:17

Questo Ŕ un altro problema ancora. Un problema serio ma che non ha nulla a che fare con le "favole" che questi "ragazzini" si "bevono" prima di andare alle manifestazioni. Il "trucchetto" di infiltrare "volontari" di vario tipo tra i manifestanti per scatenare la violenza e sputtanare... Leggi tutto
8-11-2011 11:18

Mi sembrava evidente. Leggendo l'articolo dovrebbe essere abbastanza chiaro che c'Ŕ una bella differenza tra il mondo reale e le le favole che i "ragazzini" in questione si raccontano tra loro (o che qualcuno racconta loro). Leggi tutto
8-11-2011 11:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa ti trattiene dall'installare Linux?
Tutti quelli che conosco hanno Windows: con chi potrei scambiare dati e software?
Non ho voglia di imparare un nuovo sistema operativo e dei nuovi programmi.
Alcuni miei componenti hardware non vengono riconosciuti.
Ci sono alcuni software che utilizzo sotto Windows che mi sono indispensabili.
Semplicemente non sento l'esigenza di passare a Linux.
Ho intenzione di farlo nel prossimo futuro.
Nessun motivo mi impedisce di passare a Linux, infatti giÓ lo utilizzo con soddisfazione.

Mostra i risultati (11936 voti)
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Western Digital violata, sottratti 10 Tbyte di dati
Windows 11, il tasto Stamp cambia funzione
Espositori in fuga, cancellato l'E3 2023
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 31 maggio


web metrics