Facebook, Timeline non è per tutti

Le Pagine dei marchi manterranno l'aspetto attuale. Per i profili inizia invece il conto alla rovescia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2011]

Facebook Timeline aziende

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Facebook Timeline in anteprima

Manca meno di una settimana all'arrivo di Timeline su Facebook - la nuova interfaccia che trasforma il social network in un diario - per tutti gli utenti.

Com'era già successo al momento della presentazione, e come accade per tutti i cambiamenti introdotti da Facebook, Timeline sta raccogliendo commenti di ogni tipo, e diversi si lamentano per la rivoluzione del profilo, cui ormai erano abituati.

Non che si possa scegliere: il prossimo 22 dicembre il diario sarà l'aspetto standard per tutti gli iscritti, compresi i 21 milioni di italiani.

A dire il vero c'è però una categoria di utenti che non adotterà subito il nuovo look: si tratta delle aziende, le cui pagine manterranno ancora l'aspetto attuale. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Che cos'è più rivoluzionario, tra questi... qualcosa-book?
Chromebook
Ebook
Facebook
Macbook
Netbook
Notebook
Playbook
Ultrabook

Mostra i risultati (2047 voti)
Leggi i commenti (2)
È stato Facebook stesso ad annunciare che la novità per ora riguarderà soltanto i normali utenti.

In effetti, mostrare le Pagine relative ai marchi con la struttura di un diario potrebbe avere poco senso, e i dirigenti del social network non hanno intenzione di fare un passo falso, specialmente in un momento in cui anche Google+ ha finalmente aperto le proprie porte alle aziende.

Non è detto, comunque, che tutto resti così a tempo indefinito: Facebook ha confermato di stare lavorando su un restyling anche per le pagine, ma ha rifiutato di approfondire la questione e di indicare una data per un'eventuale prima dimostrazione.

L'introduzione di Timeline arriva in un momento in cui per la creazione di Mark Zuckerberg diventa importante differenziarsi dai concorrenti: oltre al già citato Google+, anche Twitter di recente ha modificato le proprie pagine, e ha iniziato ad assomigliare all'aspetto che il rivale avrà ancora per qualche giorno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

nemmeno il mio profilo e' cambiato e spero tanto che ci ripensino prima di modificarlo d'ufficio :D
29-12-2011 11:54

Oggi è il 24 dicembre ma il mio profilo privato Fb non è ancora passato in automatico alla Timeline. Troppi commenti negativi alla novità? :wink:
24-12-2011 17:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1047 voti)
Novembre 2017
Attenzione: il set-top box con Kodi può ucciderti
Monaco abbandona Linux e LibreOffice e torna a Windows
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Licenziato per aver detto la verità
Arriva il DVB-T2, dovremo cambiare il televisore: come scegliere quello giusto
Windows 10 non sarà più gratuito
Ottobre 2017
Youtuber svela l'iPhone X in anteprima e fa licenziare il padre da Apple
Amazon Key dà al corriere le chiavi di casa
Come far risorgere le app cancellate dal Fall Creators Update
Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics