Samsung apre l'era delle Smart TV

Dotati di processori dual core, i televisori assomigliano sempre più ai PC. Al CES 2012 si rinnova anche l'offerta di ultrabook.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-01-2012]

ces 2012 samsung smart tv ultrabook

Come era stato annunciato, la TV si sta dimostrando una delle protagoniste dell'edizione 2012 del Consumer Electronic Show di Las Vegas.

Oltre alle proposte di LG - dal televisore OLED da 55 pollici a quello con risoluzione 4K - vanno segnalate quelle avanzate da Samsung.

Anche l'altra azienda coreana, infatti, ha svelato una proposta con schermo da 55 pollici: la tecnologia adottata da Samsung è quella che l'azienda definisce Super OLED, mentre l'apparecchio nel suo insieme rientra nella categoria delle smart TV.

L'idea di Samsung è infatti di trasformare i televisori da strumenti passivi in dispositivi attivi, che dispongano di un'ampia scelta di applicazioni per l'intrattenimento: non a caso, non è mancata la dimostrazione dei televisori in grado di eseguire Angry Birds.

Per evolversi verso le funzionalità finora tipiche di computer e smartphone, i televisori hanno bisogno di hardware adeguato: ecco dunque che Samsung propone il modello ES8000, un televisore a LED dotato di un processore dual core e tecnologia Super OLED 3D (con schermi da 46 a 52 pollici). L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Dove e come sei solito vedere i film?
Al cinema.
A casa, quelli trasmessi in Tv.
A casa, sul Pc.
A casa, con un lettore multimediale.
Ovunque, sul cellulare (oppure iPad / iPod / lettore Mp3)

Mostra i risultati (3389 voti)
Leggi i commenti (13)
In questo caso, smart significa anche poter controllare il televisore non banalmente tramite il telecomando, ma usando i gesti e la voce e sfruttando il riconoscimento facciale.

Sempre parlando di Samsung, non si può non citare l'offerta di ultrabook: l'azienda ha rinnovato la propria Serie 9 presentando i nuovi modelli da 13 e 15 pollici (entrambi con risoluzione di 1600x900 pixel).

Dotati di schermo SuperBright Plus, montano processore Intel Core i5-2467M, 4 Gbyte di RAM, SSD da 128 GByte e promettono di raggiungere le sei ore di autonomia; il tempo di accensione è, secondo quanto dichiara l'azienda, di soli 9,8 secondi.

Entrambi saranno in vendita a partire dalla fine del mese di febbraio; il modello da 13 pollici costa 1.399 dollari, mentre quello da 15 pollici arriva a 1.499 dollari.

Vi è poi la Serie 5 Ultra, sempre dotata di processori Core i5, con schermi da 13 e 14 pollici (con risoluzione di 1366x768 pixel), SSD da 128 Gbyte o hard disk da 500 Gbyte e prezzi compresi tra gli 899 e i 1099 dollari. L'inizio delle vendite è previsto per la fine di questo mese.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Se e' tecnologia LED non puo' essere OLED (e viceversa), oppure si tratta di una nuova trovata del marketing? Leggi tutto
12-1-2012 17:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1235 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics