Fondatore Pirate Bay arrestato per hacking, non pirateria

L'accusa riguarda la violazione dei sistemi di un'azienda che lavora per il fisco svedese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-09-2012]

anakata

«L'arresto è stato condotto dietro richiesta del governo svedese per un crimine legato all'informatica»: così la polizia cambogiana aveva motivato la cattura di Gottfrid Svartholm, cofondatore di The Pirate Bay.

Una dichiarazione del genere ha subito indotto a pensare che l'arresto fosse legato proprio al popolare tracker BitTorrent, tantopiù che Svartholm avrebbe dovuto trovarsi in prigione sin dall'inizio dell'anno per una condanna inflittagli a motivo di The Pirate Bay.

Invece, a quanto pare la Svezia lo stava ricercando per un altro motivo. L'accusa riguarda infatti un'operazione di hacking condotta nel 2010 ai danni di Logica, azienda svedese che fornisce servizi al fisco di quel Paese.

A seguito dell'incursione i dati relativi alle tasse di 9.000 cittadini svedesi sono finiti online, e le seguenti indagini della polizia hanno portato all'arresto di due persone. Svartholm sarebbe il terzo uomo coinvolto nel caso.

A confermare l'estraneità di The Pirate Bay dalle vicende che hanno colpito il fondatore è anche Peter Sunde, ex portavoce del tracker, che sul proprio account Twitter scrive: «Anakata [il nick di Svartholm] è trattenuto per qualcosa di NON legato a TPB. Non gli è stato offerto un avvocato. Lo tengono in un ufficio, non in prigione».

Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4495 voti)
Leggi i commenti (108)

Pare infatti che, in attesa dell'espulsione, Gottfrid Svartholm si trovi presso il dipartimento che si occupa della lotta al terrorismo presso il Ministero dell'Interno cambogiano, che questa sistemazione sia stata scelta su richiesta della Svezia (richiesta difficile da negare visto il bene che questa vicenda sta facendo alla Cambogia) e che alcuni amici abbiano potuto fargli visita.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sequestrati i server di The Pirate Bay
Fondatore di Pirate Bay rilasciato stamattina
Domani l'estradizione di Gottfrid Svartholm
La Svizzera condanna a tre anni la spia del Fisco tedesco
Fondatore Pirate Bay condannato a due anni per hacking
Cofondatore Pirate Bay a processo anche in Danimarca

Commenti all'articolo (2)

Ormai il mondo sta condividendo lo stesso concetto di terrorismo americano... Ti rifiuti di fare la spesa al supermercato? Sei un terrorista. Non ti piacciono le alette di pollo fritte? Sei un terrorista. Tieni un arsenale di armi da guerra ed esplosivi sotto il letto di tuo figlio? Sei un patriota e un amante della libertà...
10-9-2012 11:30

A chi lo vuole arrestato "per TPB" non gli può importare di meno che sia arrestato per altro. Lo vulole arrestato specificamente per TPB. Ma poi, quello che gli importa è che sia "condannato" per TPB. Se non riescono ad arrestarlo perchè scappa su Marte o si nasconde in una giungla, non gliene dovrebbe importare di... Leggi tutto
9-9-2012 15:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1969 voti)
Luglio 2020
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Tutti gli Arretrati


web metrics