Scaricò dieci film, multato per un milione e mezzo

È il risarcimento più alto mai stabilito per un'infrazione di copyright.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-11-2012]

pirata bittorrent

Un uomo della Virginia (USA) è stato condannato a pagare come risarcimento per aver diffuso tramite BitTorrent 10 film coperti da copyright la multa più alta mai comminata: 1,5 milioni di dollari.

L'uomo - Kywan Fisher - è il titolare di un legittimo account a pagamento presso il sito web della Flava Works, azienda che produce video per adulti.

Tramite tale account ha acquistato e scaricato 10 film e, se si fosse limitato a questo, null'altro sarebbe successo.

Invece ha deciso di condividerli tramite BitTorrent, ed è a quel punto che sono cominciati i guai. Infatti all'interno di ogni video acquistato Flava Works inserisce un codice univoco che identifica l'acquirente.

Così, quando le copie sono finite illegalmente in Internet, l'azienda non ha dovuto faticare molto per capire chi fosse all'origine del reato.

La questione è arrivata quindi al tribunale, dove l'azienda ha potuto dimostrare senza troppe difficoltà che i video incriminati sono stati scaricati almeno 3.449 volte.

Sondaggio
Che cosa scarichi più spesso da Internet?
Musica / video musicali
Programmi Tv (telefilm ecc.)
Film
Podcast
Software
Ebook

Mostra i risultati (2180 voti)
Leggi i commenti (11)

Di fronte alle prove addotte e all'impossibilità di mettere insieme una difesa sostenibile da parte dell'imputato, il giudice ha dunque deciso di comminare a Kywan Fisher la multa più alta: 150.000 dollari a film, ossia un totale di 1,5 milioni di dollari.

Come si può vedere non si tratta del classico caso di film scaricati tramite BitTorrent e dell'associazione - normalmente inutilizzabile come prova - tra indirizzo IP e utente: in questo caso c'è un codice univoco che identifica il responsabile della violazione dei diritti.

Di solito, i casi montati sul download di opere protette finiscono con un proscioglimento o con un accordo extragiudiziale tra le parti; in questo caso, invece, le prove erano tali che Flava Works ha potuto andare fino in fondo.

Ciò che lascia stupiti è, invece, l'entità del risarcimento stabilito: 150.000 dollari a film, diviso per il numero di download indicati dall'azienda, fa circa 430 dollari per ogni volta che un film è stato scaricato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Major dovrà risarcire il ''pirata'' accusato ingiustamente
Sedicenne scarica MP3, il padre (giudice) la prende a cinghiate
File sharing, legale se per uso personale
UE, è ora di cambiare le norme sul copyright
BitTorrent, utenti spiati mentre scaricano
Musica digitale, a chi appartiene dopo la morte dell'acquirente?
RapidShare attacca i siti di link
Demonoid spazzato via per compiacere gli USA
Un milione e mezzo di torrent su Internet Archive
La strategia IFPI in una roadmap riservata
Il più grande database di link pirata? Lo sta costruendo Google
Nuova Zelanda: illegale il raid a casa di Kim Dotcom

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

{max}
incitano a scaricare senza mai pagare, questo qui li ha comprati e poi condivisi. Ed è stato beccato perchè li ha comprati. E poi la pena esageratamente sproporzionata, ma la gente si rende conto di queste cose?
14-11-2012 16:00

Fossi nei panni di questo tizio, me ne fregherei altamente e continuerei a godermi la vita... Tanto quei soldi probabilmente non li avrà mai e non possono nemmeno costringerlo a lavorare per guadagnarli.
14-11-2012 11:21

Questo assurdo è una ulteriore prova che gli USA sono finiti fuori di testa. Ancora un po' e scoppiano. Il brutto è che possono fare una eplosione tale da portarsi dietro il pianeta. :shock:
8-11-2012 14:41

Per questo la legge italiana prevede i lavori forzati. Puoi scegliere tra deputato o senatore. Leggi tutto
8-11-2012 02:39

Non sono un avvocato, ma bisognerebbe comunque anche dimostrare che sia stato veramente lui a metterli su internet! (nulla vieta che qualcun altro abbia potuto farlo a sua insaputa...) (ps: condivido il commento ittico sull'avvocato! ;))
7-11-2012 19:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanti dispositivi sono connessi al tuo Wi-Fi domestico?
Nessuno.
Da 1 a 2
Da 3 a 5
Da 6 a 10
Oltre 10

Mostra i risultati (2902 voti)
Novembre 2020
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Tutti gli Arretrati


web metrics