RapidShare, traffico in calo dopo il cambio di policy

Tutte le mosse intraprese per compiacere la RIAA hanno fatto calare drasticamente il traffico del popolare servizio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-01-2013]

rapidshare

L'evoluzione che RapidShare ha compiuto negli ultimi tre anni circa è significativa.

Per passare da protettore di ogni illegalità - come appariva agli occhi della RIAA nel 2010 - a "volto pulito" del file sharing, ha cambiato pelle numerose volte nel corso del tempo, introducendo misure sempre più restrittive per ridurre al minimo la presenza di file illegali sui propri server.

Nel 2010, RapidShare era nella lista dei siti sospetti; nel 2011, dopo essersi impegnato nella tutela del copyright, era sparito dalla lista: aveva compiaciuto la RIAA.

Tutto ciò, naturalmente, aveva avuto un prezzo: in quel lasso di tempo il traffico generato dai server del servizio aveva continuato a calare, almeno fino a gennaio 2012.

Proprio in quel mese che si registrò un improvviso aumento, la cui causa è persino ovvia: la chiusura di Megaupload, che aveva lasciato orfani moltissimi utenti.

Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1291 voti)
Leggi i commenti (6)

Il problema è che gli orfani di Megaupload non si stavano trasferendo unicamente per scambiare file legali e così RapidSahre ridusse la velocità disponibile per gli utenti del servizio gratuito, riduzione che restò in vigore sino alla fine dello scorso ottobre, accompagnata da un progressivo e pressoché costante nuovo calo del traffico.

Ma è da novembre in avanti che il traffico subisce un nuovo tracollo: in quel mese, infatti, RapidShare ha adottato una nuova policy, che limita a 1 Gbyte al giorno il traffico che gli utenti gratuiti possono generare verso l'esterno, e a 30 Gbyte il giorno il traffico generabile dagli utenti a pagamento.

rapidshare traffico

La mossa è stata decisa ancora per venire incontro alle richieste della RIAA, che non vedeva certo di buon occhio la possibilità per gli utenti anonimi di scaricare contenuti senza limiti.

Nel complesso, insomma, dal 2010 a oggi il traffico di RapidShare non ha fatto altro che continuare a calare, appure il sito non si dice preoccupato: «È nella natura delle cose che i limiti al traffico portino a una riduzione del traffico stesso. Possiamo anche confermare una riduzione nelle violazioni del copyright da quando abbiamo lanciato il nuovo modello di business».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come funziona MEGA
RapidShare riaccelera
RapidShare attacca i siti di link
DepositFiles, accordo multimilionario
Cyberlocker, chi sale e chi scende
Come RapidShare ha conquistato la fiducia di RIAA e MPAA
Megaupload, effetto valanga e implicazioni per il cloud
BayFiles, il file hosting secondo The Pirate Bay
Pirateria, un link non è reato
Rapidshare viola copyright per 24 milioni di euro
Rapidshare & soci nel mirino della mafia del malware
Rapidshare rivela gli indirizzi Ip degli utenti

Commenti all'articolo (4)

Uuuuhh!! E allora che č successo? :?
21-1-2013 01:02

Mah, mi suona stonato... "tutte le mosse intraprese per compiacere la RIAA" sono state palesi prese per il culo, tant'č che da RapidShare si scarica illegalmente come prima... :-k
21-1-2013 00:02

Mhā. Io direi che č un adeguamento alla decrescita. =)
20-1-2013 21:15

{Telesio}
Chiamare "nuovo modello di business" una diminuzione del traffico e quindi degli introiti è un perfetto adguamento alla decrescita sostenibile...
18-1-2013 11:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai inviato Sms o messaggi o email a un tuo familiare mentre entrambi eravate a casa?
No, mai.
E' successo una o due volte.
Ogni tanto capita ma non č mia abitudine.
Lo faccio regolarmente.

Mostra i risultati (1732 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 settembre


web metrics