FreeDOS, vent'anni e non sentirli

Nato come clone libero di MS-DOS per eseguirne tutte le applicazioni, ha superato il progenitore e ha una fedele schiera di fan.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-02-2013]

Blinky

Fa uno strano effetto pensare che le generazioni più recenti di persone che si sono avvicinate ai computer e all'informatica non sappia che cosa significhi trovarsi davanti al muto prompt C:\>.

Si tratta di un retaggio dell'era del MS-DOS, il sistema operativo di Microsoft la cui sorte fu segnata - almeno nominalmente, in realtà sopravvisse ancora un po' - con il debutto di Windows 95.

Si potrebbe pensare che ormai, a diciott'anni dall'uscita di Windows 95, nessuno più abbia interesse a mantenere in vita qualcosa di così vetusto come il vecchio DOS; ma ci si sbaglierebbe.

Quando Microsoft prima lasciò intendere e poi annunciò ufficialmente (nel giugno del 1994) che MS-DOS non avrebbe avuto alcun futuro nell'era di Windows, Jim Hall e alcuni altri decisero di lanciare via Internet un progetto per riscrivere un sostituto del DOS.

«Nel 1994» - spiega Hall - «usavamo MS-DOS e Windows 3.1 e, sebbene Windows 3.1 facesse delle cose carine, non era poi così fantastico. Mi piaceva lavorare con MS-DOS e non mi piaceva l'idea di essere costretto a passare a Windows».

Venuto a conoscenza del progetto Linux di Linus Torvalds, il cui sviluppo era iniziato pochi anni prima tramite una collaborazione via Internet, Hall decise di seguire lo stesso principio per creare un DOS di pubblico dominio (e infatti il primo nome di quello che diventerà FreeDOS sarà PD-DOS, dove PD sta per public domain).

Sondaggio
Che cosa ti trattiene dall'installare Linux?
Tutti quelli che conosco hanno Windows: con chi potrei scambiare dati e software?
Non ho voglia di imparare un nuovo sistema operativo e dei nuovi programmi.
Alcuni miei componenti hardware non vengono riconosciuti.
Ci sono alcuni software che utilizzo sotto Windows che mi sono indispensabili.
Semplicemente non sento l'esigenza di passare a Linux.
Ho intenzione di farlo nel prossimo futuro.
Nessun motivo mi impedisce di passare a Linux, infatti già lo utilizzo con soddisfazione.

Mostra i risultati (11717 voti)
Leggi i commenti (123)

Ci vollero parecchi anni prima di arrivare alla versione 1.0 (rilasciata nel 2006 e seguita nel gennaio del 2012 dalla versione 1.1) ma oggi FreeDOS è una realtà che riceve la propria dose di attenzione.

Nonostante Hall stesso ammetta che il numero degli sviluppatori è calato rispetto a 10 anni fa, la comunità che ruota intorno al progetto è attiva ed entusiasta, e alcune aziende hanno scelto FreeDOS come sistema operativo gratuito da preinstallare sui propri PC per chi non vuole acquistare una licenza di Windows (basti fare i nomi di HP e Dell).

Allo stato attuale, infatti, FreeDOS è perfettamente utilizzabile e permette non solo di avviare un computer, ma di eseguire pressoché tutti i programmi scritti per MS-DOS negli anni '80 e '90, oltre ai software esplicitamente progettati per questo sistema.

freedos1
Schermata di avvio di FreeDOS.

FreeDOS è tuttora adoperato in alcuni ambienti in cui è richiesto un sistema leggero e minimale per far girare software che, per quanto vecchi, sono perfettamente testati e funzionanti.

Inoltre, questo clone di MS-DOS continua ad arricchirsi di nuove funzioni e ha già superato alcuni limiti dell'originale: per esempio supporta nativamente il filesystem FAT32, supporta CD-ROM e reti e il suo creatore già guarda alla versione 2.0 e addirittura alla 3.0, introducendo multitasking e supporto espanso ai driver.

In altre parole, FreeDOS vuole essere ciò che MS-DOS sarebbe stato se Microsoft non avesse deciso di passare a Windows; e inoltre mantiene - e manterrà sempre, poiché è la sua caratteristica peculiare - la compatibilità con le vecchie applicazioni.

Dopotutto, una delle pietre miliari di cui Hall va ancora oggi più orgoglioso è l'essere riusciti a far girare Doom sotto FreeDOS.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Giocare a Doom sul display della stampante
Parolacce nel codice dei primi Word e MS-DOS
L'emulatore Android nativo per Windows
Eye-tracking su Windows 8 alla portata di tutti
Google: niente app per Win8, pochi utenti
Trent'anni fa il primo virus per computer
Stallman: Ubuntu è spyware
Microsoft, la roadmap ufficiale di Windows Embedded 8
Il giorno di Windows 8
Microsoft addestra i suoi a distinguere tra Windows 8 e RT
Windows 8, cambia il CHKDSK
Da Windows 1.0 a Windows 7
Trent'anni di Microsoft in due fotografie
FreeDOS raggiunge la maturità

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

{SilverHawk}
@kenshir Discutere su quale sia meglio tra rpm e deb equivale a discutere sul sesso degli angeli: entrambi i sistemi hanno pro e contro (mi viene in mente le dipendenze da pacchetto di rpm piuttosto che da file di deb), che non necessariamente sono sbagliati o illogici a priori: in tanti casi è il contesto in cui si verifica la propria... Leggi tutto
10-2-2013 11:05

Dentro Doxbox c'è un virtualizzatore Qemu + freedos che io sappia, poi nel link non trovo il riferimento. Posso capire che si tenga per un sistema di pacchettizzazione o per un altro ma per mia esperienza RPM è decisamente il migliore, se poi andiamo su zypper che consente di addizionare repository e contemporaneamente valutare che... Leggi tutto
10-2-2013 06:56

Sono compatibili, ma non sono la stessa cosa. Vedi qui. E riguardo al fatto che la pacchettizzazione debian non sia di buona qualita', e che apt funzioni male... ho qualche leggerissimo dubbio :roll: Leggi tutto
10-2-2013 02:09

{SilverHawk}
@mda concordo fa miracoli
8-2-2013 22:46

@Merlin Install di .deb :lol: Passa alle distribuzioni che usano RPM! Suse possiede un install (zypper) che è un sogno. :wink: Ciao
8-2-2013 13:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Ottobre 2021
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 ottobre


web metrics