Dieci anni di Pirate Bay, il torrent più vecchio è Revolution OS

Il film su Linux e sul software libero è stato caricato nel 2004.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-03-2013]

RevolutionOS pirate torrent

Tra qualche mese, The Pirate Bay festeggerà i 10 anni di vita, nonostante i ripetuti tentativi di chiusura e la condanna dei suoi fondatori, recentemente benedetta anche dalla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Nel vasto archivio della Baia - che ormai conta oltre 2 milioni di file - ci sono dei torrent che sopravvivono sin quasi dall'inizio dell'avventura.

Il più vecchio e tuttora attivo - ossia che abbia almeno un seeder e un leecher - è Revolution OS, un film del 2001 dedicato alla nascita e alla storia di Linux, GNU e del software libero.

Il torrent è stato caricato il 31 marzo 2004 e al momento dispone ancora di 27 seeder.

J.T.S. Moore, regista e produttore del film, ha accolto la notizia con sentimenti misti: dopotutto c'è una certa ironia nel fatto che una copia pirata di un film sul software libero sia il torrent più anziano.

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2476 voti)
Leggi i commenti (12)

«È certamente un problema» - ha dichiarato Moore - «ma immagino che ci sia una certa soddisfazione nel sapere che Revolution OS attira ancora un po' di gente dopo 12 anni».

Sempre per quanto riguarda i record dei torrent di The Pirate Bay, quello che permette di scaricare il file più grande punta all'archivio di Geocities, il servizio di hosting gratuito chiuso da Yahoo nel 2009: si tratta di un download di ben 641,32 Gbyte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)


Solo perché hai una certa età poi con zeussino te la vedi tu! link :lol:
20-3-2013 13:34

Buon sapersi. :wink: Un linkino (non penso che Zeus si arrabbi) Ciao
20-3-2013 12:46

Beh, il seguito c'è già ed è liberamente scaricabile in quanto rilasciato sotto CC. Non è di Moore ma lo vedo comunque molto efficace. In Revolution OS si poneva molto l'accento sul programmatore e le sue motivazioni, Revolution OS II dell'italiano Di Corinto pone più l'accento sull'utilizzatore finale (che sia privato o pubblico) e... Leggi tutto
20-3-2013 08:28

Di sicuro hanno da migliorare il sistema di ricerca dei file. A quanto ho visto io, attualmente la ricerca funziona per singola parola. Mi sembra molto strano. :?
20-3-2013 00:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2489 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 novembre


web metrics