Ue, accuse a Motorola per abuso di posizione dominante

L'azienda controllata da Google rischia una multa di quasi un miliardo di euro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2013]

motorola ue brevetti abuso

Il lungo braccio di ferro tra Motorola e Apple per questioni di brevetto - con la prima che accusa la seconda di diverse violazioni - potrebbe costare una multa comminata dalla Commissione Europea alla società controllata da Google.

La questione principale ruota intorno a un brevetto, detenuto per l'appunto da Motorola, che riguardano la tecnologia GPRS.

Nonostante l'impegno, preso da Motorola Mobility, di rendere disponibili le tecnologie fondamentali a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie (caratteristiche generalmente note tramite l'acronimo FRAND), Motorola ha legalmente impedito a Apple - tramite la sentenza di una corte tedesca - l'utilizzo del brevetto GPRS in questione.

Il problema, però, è ancora più complicato: infatti l'ingiunzione è stata pretesa da Motorola nonostante Apple si fosse offerta di pagare le relative royalty per l'utilizzo: vista così, pare insomma che Motorola non fosse intenzionata a proteggere le proprie tecnologie, ma a mettere i bastoni tra le ruote a un concorrente pericoloso.

La vicenda è arrivata all'orecchio della Commissione Europea che ora - dopo un anno di indagini - si è inserita con uno Statement of Objections, in pratica l'espressione delle preoccupazioni nutrite dalla Commisione stessa circa un possibile abuso di posizione dominante da parte di Motorola, e allo stesso tempo un primo passo formale nella conduzione delle indagini.

Sondaggio
Gli aspetti peggiori del mercato della telecomunicazione mobile sono:
Tariffe incomprensibili
Concorrenza tra operatori solo di facciata
Cellulari troppo complessi
Mancanza di offerte adatte alle vere necessitÓ
Offerte tecnologiche superflue e costose

Mostra i risultati (3370 voti)
Leggi i commenti (8)

Il GPRS - spiega la Commissione - è una tecnologia indispensabile per le telecomunicazioni mobili: il fatto che Motorola voglia impedirne l'uso nonostante si fosse inizialmente impegnata a fornire le licenze e che si sia rivolta a un tribunale nonostante Apple si sia detta disponibile a pagare le royalty rende pesante il sospetto di abuso di posizione dominante.

A questo punto entrambe le parti in questione possono esprimere la propria posizione per iscritto, entro due mesi. Se la Commissione riterrà Motorola colpevole, potrà comminare una sanzione che potrà arrivare sino al 10% del fatturato annuo della società, ossia quasi un miliardo di euro.

In tutto questo, al momento, Google non è direttamente coinvolta; la Commissione ha infatti precisato che i fatti contestati si sono verificati prima dell'acquisizione. La società di Mountain View è quindi interessata alla vicenda solo in quanto attuale proprietaria di Motorola.

Joaquin Almunia, Commissario alla Concorrenza, ha commentato: «La protezione della proprietà intellettuale è fondamentale per l'innovazione e la crescita. Ma lo è anche la competizione. Credo che le aziende dovrebbero impegnare il proprio tempo innovando e confrontandosi sui punti di forza di prodotti che offrono, non abusando dei loro diritti di proprietà intellettuale per rallentare i concorrenti a scapito dell'innovazione e della scelta da parte dei consumatori».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google licenzia 1200 dipendenti, tutti di Motorola
Open data tra trasparenza e partecipazione politica
Google completa l'acquisizione di Motorola
Motorola fa causa a Apple per 18 brevetti

Commenti all'articolo (2)


@Roberto1960 Ritengo che la sanzione sia del 10% del fatturato Motorola perchŔ i fatti contestati sono avvenuti prima dell'acquisizione da parte di Google, che poi di questo possa aver beneficiato Google dovrebbe essere oggetto di altro provvedimento qualora la Commissione ne rilevasse gli estremi. Forse per˛ sarebbe necessario attendere... Leggi tutto
9-5-2013 19:32

Da come si legge dall'articolo sembra una multa sacrosanta. Solo contesto il fatto che la sanzione sia il 10% del fatturato della singola societÓ, Motorola, E NON DELLA SOCIETA' CHE LA POSSIEDE, ovvero Google. Se una societÓ ne compra un'altra trae utili dal profitto della acquisita, e quindi non si vede proprio alcun motivo per cui... Leggi tutto
8-5-2013 13:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Wikileaks (con il suo fondatore Julian Assange)...
Ŕ un sito pirata, pericolo per l'occidente.
Ŕ un paladino della libera informazione e della trasparenza.

Mostra i risultati (3386 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 gennaio


web metrics