Facebook, il mito vacilla: non piace più agli adolescenti

Secondo un'indagine, in cima alle preferenze dei teenager adesso c'è Twitter: lì si sentono meno controllati dagli adulti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2013]

adolescenti facebook twitter

Non è ancora il momento di parlare di "declino di Facebook", ma qualcosa sta cambiando nel modo in cui il social network di Mark Zuckerberg è percepito e utilizzato dagli adolescenti.

Un'indagine condotta dal Pew Research Center's Internet & American Life Project in collaborazione con l'Harvard's Berkman Center for Internet & Society ha rivelato come Facebook sia tuttora il social network più adoperato dagli adolescenti (il 94% ha un profilo) ma anche come i teenager non si sentano più così "liberi" nel frequentarlo.

Il motivo principale è la presenza di troppi adulti, soprattutto genitori e in generale parenti: il successo mondiale della piattaforma, spalmato su più fasce d'età, sembra scoraggiare i più giovani.

Il 77% dei ragazzi intervistati non condivide proprio tutto quello che vorrebbe per paura delle reazioni; circa la metà ha poi rimosso un post, una foto o un tag; il 58% ha bloccato almeno una persona.

Dove vanno quindi gli adolescenti per sentirsi meno controllati? Perlopiù su Twitter, almeno secondo la ricerca.

Sondaggio
Perché Twitter ha tanto successo?
Il limite di 140 caratteri obbliga a esprimersi con brevità e concisione.
Si possono condividere link interessanti velocemente e a un gran numero di persone.
L'integrazione con il cellulare consente di inviare e ricevere i tweet via Sms.
Consente di rimanere aggiornati su un determinato argomento in tempo reale
La motivazione è un'altra, ve la esplicito nei commenti qui sotto.

Mostra i risultati (1082 voti)
Leggi i commenti (3)

L'utilizzo della piattaforma di microblogging da parte dei teenager è cresciuto di molto tra il 2011 e il 2012, passando dal 12% al 26%; dopo Twitter raccoglie buone preferenze anche Instagram (che arriva all'11%).

Molti, chiaramente, usano contemporaneamente Facebook e Twitter, scegliendo l'uno o l'altro generalmente in base ai contenuti che intendono condividere.

Non bisogna poi dimenticare che parte del relativo disinteresse verso Facebook è dovuto alla popolarità dei diversi sistemi che permettono di scambiarsi messaggi: a fianco degli storici SMS, e in molti casi superandoli, vi sono applicazioni come WhatsApp che permettono di tenersi in contatto con estrema facilità, a costi contenuti e anche al riparo da occhi indiscreti.

Non che gli adolescenti non siano attenti circa quanto condividono su Facebook; la ricerca mostra come con l'aumentare dell'età aumenti anche la consapevolezze dell'importanza della privacy.

Nel complesso, il 60% dei teenager tiene privato il proprio profilo, e la maggior parte di loro si sente sicura della propria abilità di gestire le informazioni personali.

Diverso è il panorama su Twitter, dove solo il 24% degli adolescenti mantiene privati i propri post.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Neknomination, la bravata "social" che può costare la vita
Chad2Win, l'app che ti paga per chattare
Zuckerberg: connessione per tutti in cambio di pubblicità
Twitter studia lo sbarco in Borsa
Instagram, microfilmati per fare concorrenza a Vine
Addio al Messenger di Microsoft il 15 marzo
Quindicenne narcotizza genitori per usare Internet
Internet, sempre più teenager tengono i genitori all'oscuro
Un verme su Facebook chiede la vostra amicizia: che fare?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


{Rosco}
Era inevitabile, d'altronde Facebook ha sostituito il vecchio e classico punto d'incontro delle città, che fosse la piazza oppure il centro. È il nuovo punto di raduno di una città e visto che si parla di adolescenti, ciò impedisce loro di pubblicare determinati contenuti. Avendo tra le amicizie genitori e parenti, non possono più... Leggi tutto
26-5-2013 15:04

Quotone! :roll: Leggi tutto
25-5-2013 18:55

Beh, chi si definirebbe bigotto di sua spontanea volontà? Magari se davanti a noi abbiamo un facebook-dipendente, a prescindere dall'età, che gli piace starci attaccato delle ore a condividere frasi scritte da altri, a pubblicare foto anche di quando va in bagno e comunque non fa niente di male.... potrebbe pensare che bigotti lo... Leggi tutto
24-5-2013 17:32

Concordo pienamente. Rimango sbigottito anch' io :shock: ma non nel senso che son bigotto, nel senso che sti marmocchi quando hanno in mano sti cosi sono avulsi dalla realtà :roll: Leggi tutto
24-5-2013 01:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando guidi in città, chi non vorresti incontrare nel traffico?
La Scuola Guida
Il neopatentato
La donna che si trucca in coda
Il manager che legge un quotidiano in coda
L'imbranata: parte in terza e si spegne il motore
L'avvoltoio dei parcheggi: continua a girare fino trovarne uno
La mamma con il SUV davanti alla scuola
L'indeciso sulla strada da prendere
Il vecchio col cappello
Il camion della nettezza urbana

Mostra i risultati (2265 voti)
Settembre 2020
L'aggiornamento che rallenta e surriscalda i Chromebook
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Tutti gli Arretrati


web metrics