USA, diritto all'anonimato anche per chi condivide file

Utilizzare BitTorrent è una forma di espressione garantita dalla Costituzione: i dati personali degli utenti non possono essere svelati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-07-2013]

M anonimato bittorrent usa

L'anno scorso, durante una causa intentata dalla casa produttrice di film per adulti AF Holdings per questioni di pirateria via BitTorrent, diversi provider si erano visti obbligare da un giudice a rivelare i dettagli personali di oltre 1.000 utenti coinvolti nella vicenda.

Prima di obbedire gli ISP - Verizon, AT&T, Time Warner e Cox - hanno deciso di ricorrere in appello, richiesta presa in considerazione nello scorso mese di maggio.

I provider affermavano che la decisione del giudice di concedere l'accesso ai dati di oltre 1.000 persone all'interno di un unico procedimento legale era contrario alla stragrande maggioranza di decisioni prese di recente in casi analoghi.

Ora agli sforzi dei provider si sono aggiunti quelli di alcune associazioni per i diritti civili, quali la Electronic Frontier Foundation, l'American Civil Liberties Union, Public Citizen e Public Knowledge.

Costoro hanno scritto e firmato insieme un memoriale consegnata alla corte quali amici curiae, che è ora stato accettato dal tribunale e nel quale mostrano come sempre più giudici stiano emanando sentenze contro i detentori del copyright che pretendono i dati dei condivisori.

«La marea sta cambiando, poiché i giudici in tutto il Paese si stanno rendendo conto che questi procedimenti sono essenzialmente uno piano di estorsione» hanno scritto le associazioni, che sono quindi passate ad argomentare.

Cuore della loro obiezione è il fatto che anche l'atto di condividere materiale tramite BitTorrent è protetto dal Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, ossia quello che garantisce la libertà di parola.

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2376 voti)
Leggi i commenti (12)

Rivelare le identità di coloro che utilizzano BitTorrent - sostengono la EFF e gli altri - significherebbe violare il diritto a esprimere le proprie opinioni restando nell'anonimato, che si estenderebbe anche alle comunicazioni via Internet.

«L'utilizzo di BitTorrent per scegliere e condividere film è una forma di espressioni e, perciò, è protetta dal Primo Emendamento» scrivono le associazioni, punto di vista peraltro condiviso da alcuni giudici chiamati a decidere su casi analoghi.

Per questa ragione le associazioni chiedono che le richieste di AF Holdings non vengano esaudite: occorrono delle prove certe che il reato di cui le oltre mille persone coinvolte sono state accusate sia davvero stato commesso prima di poter ottenere i loro dati personali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La Warner cerca esperti per contrastare i pirati su Internet
Le parole sono importanti, quelle dei pirati di più
Da AT&T una tecnologia per impedire il filesharing
Eppure Snowden è più Radicale di Emma
Facebook, accesso bloccato ai navigatori anonimi - ma per poco
Il Garante Privacy contro lo strapotere dei colossi di Internet
Germania, Facebook deve consentire gli pseudonimi
A YouTube non piacciono più gli pseudonimi
Un BitTorrent veramente anonimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)


Qui per vietare che si tocchi la Costituzione. Ciao
7-7-2013 16:04

Temo che abbia ragione cisco, Ŕ da tanto che cercano di cambiare la nostra Costituzione che non vedo perchŔ, cogliendo l'occasione, non debbano dare un'aggiustatina, pro domo loro, anche a questo articolo. :roll:
7-7-2013 14:37

Tranquilli, che la Costituzione la cambieranno molto presto... :twisted:
5-7-2013 17:06

Si anche la costituzione francese contiene lo stesso articolo. Ciao
5-7-2013 08:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli spazi per i commenti alle notizie, in che modo si comportano i maggiori siti di informazione online?
Sono eccessivamente censori. Se i loro articoli subissero lo stesso trattamento, accuserebbero di dittatura.
Mostrano una spudorata tendenza a privilegiare i commenti favorevoli alle loro linee editoriali.
Si limitano alle normali regole del vivere civile e delle leggi in vigore.
Danno importanti spazi e a volte dovrebbero contenere gli "ardori" dei commentatori con maggiore decisione.
Sodoma e Gomorra! Va bene la libertÓ d'opinione ma c'Ŕ un limite a tutto.

Mostra i risultati (1404 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics