Facebook, via la pubblicità dalle pagine discutibili

Gli inserzionisti avevano minacciato di andarsene: il social network toglie gli annunci dai contenuti per adulti o violenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-07-2013]

facebook pubblicita pagine degne

Per Facebook, la pubblicità è vita: buona parte dei suoi introiti derivano da lì, e scontentare gli inserzionisti non è certo una buona mossa.

Così, quando alcune grandi aziende che acquistano spazi pubblicitari su Facebook hanno iniziato a lamentarsi (e a minacciare di andarsene) perché i loro spot apparivano insieme a contenuti discutibili, il social network non ha perso tempo per correre ai ripari.

A partire da oggi la pubblicità sarà infatti presente soltanto su pagine che ne risulteranno "degne": ossia - come spiega Facebook stessa - tutti i banner saranno rimossi da quelle pagine che mostrano contenuti «violenti, volgari o sessuali», anche se non violano le condizioni d'uso. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2669 voti)
Leggi i commenti (1)
Il problema, infatti, non è far rispettare agli utenti le condizioni del sito ma non far arrabbiare gli inserzionisti, che spesso non gradiscono vedere il proprio marchio associato a contenuti per adulti.

Dal primo luglio, quindi, la pubblicità sarà inserita a mano soltanto nelle pagine "pulite" (si parla di un gruppo iniziale di circa 10.000 pagine sicure, che si allargherà col tempo); intanto lo staff di Facebook sta già lavorando alla creazione di un sistema che permetta di svolgere i controlli in automatico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo è l'età in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, è meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2564 voti)
Aprile 2024
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Il piano Merlyn, ovvero la liquidazione di Tim
Falla nelle serrature elettroniche, milioni di stanze d'hotel a rischio
L'antenato di ChatGPT in un foglio Excel
La valle inquietante
La crisi di Tim e la divisione sindacale
La fine del mondo, virtuale
WhatsApp e Messenger aprono agli altri servizi di chat
Permainformatica
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 aprile


web metrics